Gentile a chi?! Un episodio da raccontare ai miei figli



Qualche tempo fa avevo un incontro professionale per discutere una questione giuridica con una serie di esperti.

Fra i partecipanti alla riunione c’era un distinto signore in abito elegante e dal volto familiare. Non ho faticato a riconoscerlo, era un noto docente. Per un attimo ho accusato il colpo, mi ha colta il timore reverenziale: la mia controparte era un osso duro

Gli porgo la mano per presentarmi e il tipo mi offre la sua mano molliccia, o meglio, mi sfiora le dita con mezzo medio, mezzo indice e mezzo anulare, senza neppure guardarmi negli occhi. 
Linguaggio del corpo chiarissimo: io esigo distanza da te

Inizia la riunione ed espongo le mie ragioni con calma. Arriva il turno del professore e questi replica alle mie argomentazioni rivolgendosi ai presenti e indicandomi con l’appellativo: “La gentile Signora”.

La gentile Signora ha detto ….bla bla bla, io invece dico bla bla bla

La gentile dottoressa ha detto bla bla bla …, io affermo invece bla bla bla

Più ripeteva “gentile”, più il suo tono diventava arrogante.

E in me montava il furore! “Gentile” a chi!? 

Né gentile né scortese, la mia esposizione era stata semplicemente tecnica.

Per quanto mi riguardava, il professorone poteva divorarsi la sua ironia in un solo boccone indigesto.

Che senso aveva chiamarmi “gentile”? Il tono era sprezzante, non era certo un atto di galanteria
E se anche fosse stato un tentativo di galanteria, sarebbe stato fuori luogo: galanteria e argomentazioni giuridiche che ci azzeccano fra loro
Sarebbe come mescolare lo Chanel n. 5 con il ragù di cinghiale, le orchidee con il fieno per le capre. 

E soprattuto, la domanda principale è: se fossi stata un uomo, si sarebbe rivolto a me chiamandomi “Gentile Signore”? Certo che no.

Supponente e sessista, ecco com’era, una combinazione mortale di elementi. Mortale per lui, naturalmente. Senza entrare nei particolari, vi dico solo che chi dirigeva la riunione ha dato facoltà di controreplica solo a me, freddando il professorone che cercava di riprendere la parola. 

Questo è uno degli episodi che voglio raccontare a mia figlia quando diventerà più grande.

Perché ci sono e ci saranno sempre uomini che tenteranno di prevaricare noi donne solo in quanto donne, che proveranno a limitare il nostro diritto di parola e la nostra libertà di pensiero biascicando falsi complimenti, che ci discrimineranno ironizzando sulla nostra femminilità. 
E noi non dobbiamo permetterglielo

Questo è un episodio che voglio raccontare anche a mio figlio, quando crescerà. Perché sappia rispettare tutte le persone allo stesso modo, senza distinzione di genere.
Perché la differenza principale fra le persone non è fra uomini e donne ma fra muli e cavalli purosangue

Che ne pensate?
A voi è mai capitato di sentirvi discriminate in quanto donne?

Ketty
Lascia un commento e il link del tuo blog: ricambieremo volentieri la visita!

5 commenti

Lascia un commento
30 settembre 2015 15:00 ×

Per ora non proprio ma c'è da dire che sono casalinga, quindi il discorso è diverso.
Diciamo che squilibri nei trattamenti uomo/donna li ho provati quando ho avuto necessità di una riparazione, A me dicevano che c'era da fare un lavoro lungo e costoso e parlando col marito tutto si risolveva con un lavoro più semplice e meno caro. Ho imparato a rispondere ok e parlo al marito e le faccio sapere. Le cose cambiano subito.

Reply
avatar
30 settembre 2015 21:28 ×

Brava Ketty! Sta a noi educare gli uomini e e le donne del futuro... quanto a me chi mi discrimina casca male... vado dritta per la mia strada!
Baci

Reply
avatar
30 settembre 2015 22:11 ×

Patricia, brava! Noi, ai cretini, li battiamo con l'astuzia.
Ke

Reply
avatar
30 settembre 2015 22:13 ×

Fenice, non vorrei essere un tuo avversario... tu sei intelligentissima e determinata, chi ti ferma?
Ketty

Reply
avatar
30 settembre 2015 22:15 ×

Fenice, non vorrei essere un tuo avversario... tu sei intelligentissima e determinata, chi ti ferma?
Ketty

Reply
avatar