Amelia che sapeva volare


Ipnotizzata davanti allo scaffale dei libri per bambini di una nota libreria di Noto, appena l'ho visto ho pensato: E' mio! cioè...è per mia figlia!". Ma...inutile negarlo...l'ho preso perché spinta dal mio istinto e dalla bellezza che la copertina mi ha ispirato. 

Amelia che sapeva volare
Illustratore: Daniela Volpari
Autore: Mara Dal Corso
Collana: Giralangolo - Sottosopra | Ragazzi 2015

Non sapevo nulla di lei (ops!) ed è stata una bellissima sorpresa.
Non l'ho voluto leggere da sola in libreria, ma ho aspettato di essere a casa con bimbuzza per assaporarlo con lei per la prima volta.
Siamo rimaste entrambe a bocca aperta. 

Era il 16 agosto quando l'ho acquistato.
Immaginate la mia sorpresa quando il 24 agosto, una settimana esatta dopo, su FB mi balza agli occhi la condivisione di Repubblica per #accadeoggi. 



Non ci potevo credere!!! Lo dico sempre che le cose non succedono mai per caso!

Il libro è uscito la scorsa primavera (marzo 2015) e nella prima pagina viene specificato: Sottosopra è la collana di libri illustrati sull'identità di genere e contro stereotipi.
Direi, perfetto per tutto quello che ultimamente sta girando sull'argomento gender. 



Amelia è una bambina...e sogna di volare. Fa i giochi che qualcuno reputa "da maschio", come cacciare grilli e serpenti (io da piccola con mio fratello cacciavo le lucertole e i gechi!), spara con un fucile-giocattolo come un cowboy (sempre con mio fratello, da piccola, sparavamo con la pistola i piombini...ma esistono ancora??), riempie le tasche di insetti, fiori, vermi e ranocchi (proprio in tasca, da piccola non li mettevo...ma i vermi li prendevo per andare a pescare con mio padre!) e colleziona foto di donne di grandi imprese, attacandole in un quaderno.





"Un giorno ci sarò anch'io" - dice Amelia.

Un sogno che diventa realtà e che viene raccontato in questo libro dalle immagini stupende.

Il colore delle pagine segue le sue passioni. Sente l'ebrezza di volare arrampicandosi sulle rocce e aprendo le braccia: l'aria le riempie il cuore, la testa, il corpo intero.



Poi lo zio l'aiuta a costruire una rampa di lancio da cui parte con il suo aeroplano fatto di legno: uno due tre....e il cielo le sembra ancora più grande, azzurro...tanto da riuscire quasi ad annusare le nuvole.



Non importa se è durato poco, se è caduta sul prato sbucciandosi un ginocchio.

Lei così capisce cosa voleva veramente: Volare.

E lo capisce ancora di più quando in fiera, sulle montagne russe col papà, vede un aeroplano nel cielo: lei vorrebbe essere lassù, guidarlo e sentirsi viva tra le nuvole. 



Si, ci sarà anche lei nel quaderno dei ritagli. 

Io e bimbuzza siamo rimaste parecchi minuti ferme ad osservare le foto in bianco e nero, nelle ultime pagine del libro, di Amelia Earhart nata in Kansans nel 1897.
Riceve in regalo un aeroplano a 25 anni e diventerà una donna famosa per le sue straordinarie imprese, come anche per la sua bellezza e la moda che lancia. 



Poi scompare, in volo, mentre tenta "il giro del mondo" in aeroplano, nei pressi di un'isola deserta del Pacifico nel 1937. 

Non credo che Amelia abbia avuto paura.
Lei è il simbolo dei sogni "non convenzionali per una donna", un esempio a cui tutti dovremmo guardare e aspirare: non c'è niente che possa fermare i nostri sogni ed è questo uno degli insegnamenti che voglio trasmettere a mia figlia. 

Lo consiglio, è bellissimo.

Vivy
Lascia un commento e il link del tuo blog: ricambieremo volentieri la visita!

4 commenti

Lascia un commento
11 settembre 2015 13:57 ×

Che carino questo libro, una storia molto bella e apprezzo anche io il fatto che sia un libro contro gli stereotipi di genere!

Reply
avatar
Stefania
admin
12 settembre 2015 09:01 ×

Ma che bello!!!! Davvero. Non lo conoscevo. Lo cercherò.

Reply
avatar
13 settembre 2015 20:40 ×

Bellissimo!! Se non lo hai ancora fatto, dovresti leggere "La moglie dell'aviatore" , dove si parla, anche se non in toni lusinghieri, anche di questa donna, nonché della moglie dell'aviatore, appunto, in realtà grande aviatrice e donna altrettanto straordinaria.

Reply
avatar
17 settembre 2015 11:09 ×

Bellissimo! Perfetto per un regalo che devo fare ad un'amichetta di mio figlio. Grazie!

Reply
avatar