Un pediatra per amico?? Si può!!

Oggi vorrei scrivere la recensione di una rivista: si intitola Un pediatra per amico che si può abbreviare con l'acronimo UPPA. 
Negli ultimi due anni accompagna i miei momenti di tempo libero ed è un'ottima lettura per i genitori perché molto ricca di consigli e spunti di riflessione.

Una delle peculiarità principali è la totale assenza di pubblicità nelle pagine: non si pubblicizzano medicinali, prodotti di nessun tipo. 
E' scritta da pediatri (e non solo!), sì avete capito bene... proprio da quella categoria di dottori a cui noi mamme siamo così affezionate.



Ogni medico dà il suo contributo alle rubriche (fra l'altro molto varie, che spaziano in ambiti totalmente diversi ma ugualmente interessanti), e si possono trovare tanti utilissimi suggerimenti. 
Si parla di neonati, di bambini in età prescolare e scolare ma anche di adolescenti: bellissimo lo speciale proprio su questa fascia d'età "difficile"uscito in uno degli  ultimi numeri.

Ogni uscita bimestrale ha un tema speciale che viene approfondito, lasciando spazio anche agli altri argomenti. 
Ricordo il mio stupore quando si parlava di autosvezzamento che ho potuto approfondire e mettere in pratica con mio figlio, grazie anche al libro "Io mi svezzo da solo"consigliato sempre qui (ve ne parlerò a breve in una recensione ad hoc

Non meno interessanti sono le rubriche più creative che parlano di giochi da fare insieme e attività varie (che bella la ricetta fai da te delle bolle di sapone!). Viene posto l'accento sul trascorrere il tempo insieme in modo diverso dal solito. Insomma, veramente utile! 
E vogliamo parlare delle rubriche educative? Anche quelle non sono da meno.



Non mancano nemmeno degli spunti di lettura ad alta voce per i nostri bambini: c'è un inserto centrale con una bella storia da staccare e conservare. Noi le abbiamo raccolte in un inserto ad anelli e le leggiamo spesso e volentieri.
Ah, dimenticavo... c'è anche spazio per lettere o mail (visti i tempi moderni in cui viviamo), di genitori e persone che vogliono esprimere dubbi o semplicemente commentare o domandare delucidazioni su un articolo precedentemente letto.
Una bella comunità interattiva che vive nelle pagine di una rivista davvero utile e che non ha eguali in giro. Non si trova in edicola, per averla bisogna abbonarsi...
Da leggere!

Quindi adesso che vi ho incuriosito non vi rimane altro che visitare il sito www.uppa.it e abbonarvi subito nel formato che preferite digitale o cartaceo. Dal sito potrete anche sfogliare una copia per dare un'occhiata da soli alla rivista.

Care mamme, genitori e nonni se volete informarvi ed avere chiavi di riflessione, questa rivista fa proprio per voi. 
Io ho regalato l'abbonamento anche ad una mia amica. Dono utile e azzeccato.
Fatemi  sapere cosa ne pensate.

Francy

Lascia un commento e il link del tuo blog: ricambieremo volentieri la visita!

12 commenti

Lascia un commento
Agnieszka U.
admin
24 febbraio 2015 08:54 ×

Mi ero abbonata a questa rivista un paio di anni fa ma dopo un anno non ho più prolungato l'abbonamento.
Non c'è alcun motivo di questa interruzione, semplicemente mi sono trovata in un periodo "incasinato" e non ci ho pensato più....
La rivista mi è piaciuta molto, ho trovato tanti spunti interessanti ed articoli validi.

Reply
avatar
24 febbraio 2015 09:43 ×

Sì..davvero..io ogni tanto vado a sfogliare i numeri più vecchi per ricercare qualche argomento.Mi piace davvero..ma forse si era già capito..;-)
Francy

Reply
avatar
24 febbraio 2015 13:46 ×

Sono abbonata ad Uppa da circa 4 anni ormai! E' stata ed è ancora la compagna ideale per avere buoni consigli su come crescere mia figlia. E siccome i pensieri miei e dei pediatri e non solo, che scrivono sulla rivista sono veramente gli stessi, ogni volta mi sento appoggiata nella scelta che sto per intraprendere in un determinato momento. Apprezzo il fatto che sia priva di pubblicità e che la rivista sia libera di esprimere i propri giudizi senza "vizi di case produttrici". Continuo l'abbonamento proprio per sostenere questo indispensabile strumento per noi mamme e cerco di divulgare il più possibile!
Brava ad averne parlato!

Reply
avatar
24 febbraio 2015 15:54 ×

Grazie!!che bello sapere di altre mamme uppa-dipendenti!
Bacioni
Francy

Reply
avatar
24 febbraio 2015 16:26 ×

Grazie, vedrò di andare a vedere e se il caso perché no, non parlarne nel mio sito, sempre rivolto a mamme e bambini. Un bacio, a presto.
Debby

Reply
avatar
24 febbraio 2015 17:47 ×

Sono stata abbonata per 4 anni, sceglievo l'abbonamento per 2 anni perciò mi veniva più facile, poi quest'anno non l'ho più rinnovato perché ho dovuto dare un taglio a tante cose e tra queste c'erano gli abbonamenti. Però è un'ottima rivista e sopratutto molto utile!

Reply
avatar
24 febbraio 2015 19:01 ×

Condivido, Francy. UPPA è la mia rivista preferita in tema di maternage. Ketty

Reply
avatar
25 febbraio 2015 08:17 ×

Ciao anche noi abbonati ad uppa :-) vorrei avere anch'io un pediatra di famiglia così :-(

Reply
avatar
25 febbraio 2015 09:59 ×

Tutti vorremmo averlo..noi siamo fortunati anche se per poco tempo:il sostituto che è arrivato da pochi mesi è molto vicino alla linea di uppa..peccato che a settembre se ne andrà.. :-(
Francy

Reply
avatar
Anonimo
admin
26 febbraio 2015 16:42 ×

Io sono un papà, da pochissimo ho conosciuto questa rivista.
La trovo molto interessante e confortante.
E' bellissimo poter integrare l'amore per un figlio (+1 che arriverà) con un'informazione così completa che spazia su tanti temi.
E' bellissimo capire quanto siano importanti le conferme su quanto già cerchi di fare seguendo il tuo istinto come lo e' altrettanto rimettere in discussione le proprie convinzioni su come far crescere un figlio.
Avere spunti e' fondamentale, per il resto ci devono pensare i genitori.
Tante cose servono anche per la crescita di noi genitori, che faranno solo bene ai nostri figli...
Sono contento di aver incontrato UPPA!
GB

Reply
avatar
27 febbraio 2015 15:01 ×

Che bello avere anche il parere di un papà!inutile dire che mi trovi pienamente d'accordo.
Grazie!!
Francy

Reply
avatar
Diletta Romizi
admin
8 settembre 2016 13:47 ×

Una rivista interessante: l'ho vista ad un'amica e me la sono fatta prestare. Ora penso che la regalerò in abbonamento ad un'altra amica. Unico neo? senza pubblicità ma fortemente "Montessoriana"...non manca occasione di evidenziare come nelle scuole e negli asili Montessori si faccia tutto "bene", tanto da farmi malignare sul fatto che forse la pubblicità non serva perchè i contributi economici provengono da un altro canale: fatto fastidioso ma nel complesso sopportabile.

Reply
avatar