A 5 anni in prima elementare?

Cadon le foglie
Cadon le foglie come farfalle:
ve n’è di rosse, ve n’è di gialle,
volteggiano un momento,
e partono col vento.
E la povera pianta là, nell’aria,
rabbrividisce, nuda e solitaria. 

Questa è la poesia che recitai per il mio primo esame a scuola: esame di primina, a 5 anni.

Si, ho fatto la prima elementare a 5 anni, compiuti a giugno, e ricordo perfettamente il mio primo giorno di scuola.
Accompagnata fino in classe da mia madre, la maestra mi fece sedere accanto a una bambina, anche lei di 5 anni e ancora oggi una delle mie più care amiche. Era il 1983.

Non credo di aver fatto la primina perché considerata una "genia". Se chiedete a mia madre lei risponde che all'asilo mi annoiavo molto: mi ritirarono perché appunto non ci andavo volentieri.

In quegli anni c'era la possibilità di una prima elementare come "uditore" (non so se si possa fare anche oggi onestamente, comunque in Sicilia allora si poteva), cioè far parte a tutti gli effetti della classe prima elementare, seguire le lezioni e alla fine dell'anno sostenere un esame per passare in seconda. Non ero l'unica uditore in classe. Era una cosa normale. Hanno fatto la prima elementare a 5 anni anche mio fratello e mia sorella, anche loro non erano geni ma bambini dalle potenzialità normali, come tutti.

Come mia figlia oggi 4enne, sapevo già scrivere il mio nome, leggere le letterine, contare...ma niente di più. Amavo giocare come lei e in più avevo un fratellino nato da poco.

Scrivo questo post, quindi, perché ho vissuto l'esperienza e sento di poter dire la mia con cognizione di causa.
Non sono contraria all'inizio della scuola elementare in anticipo.
Come potrei esserlo, avendo vissuto un'esperienza per me positiva?

Aver iniziato prima mi ha dato il vantaggio di un anno per es. all'Università. Non ho però mai potuto firmare le giustificazioni al Liceo, perché ho compiuto i fatidici 18 anni in tempo di esami di maturità. Che sfiga eh!??

Ricordo bene i miei anni trascorsi a scuola elementare (tanto da ricordare ancora la poesia del mio primo esame). 
Posso affermare con certezza che non ho mai vissuto momenti di inadeguatezza o particolare stanchezza. La vivevo con normalità. Era normale appunto. Non ho mai pianto e non mi sono mai addormentata sul banco, anche se la maestra prima del suono della campanella, messi apposto i libri in cartella, ci faceva stare calmi "a braccia conserte" (se lo faccio oggi in ufficio mi addormento sicuro!!!).

Ricordo tanti momenti della scuola elementare, quanto mi piacessero le letture in classe, aspettando il turno per essere chiamata dalla maestra.
Adoravo i dettati e anche le moltiplicazioni, anche se in matematica sono stata sempre negata (per fortuna al classico si facevano solo due ore a settimana!).

Ricordo bene anche i momenti di gioco e socializzazione: i bigliettini "Mi vuoi SI NO", il gioco nomi cose e città, il gioco del silenzio o del gesso dentro la mano, le meravigliose feste di carnevale a scuola (tanto che ci siamo tornati anche quando ormai eravamo in prima media) e le incavolature della maestra quando ci beccava con le barbie in cartella.

Ricordo le corse in cortile nelle belle giornate di sole (in Sicilia, quasi sempre) e le gare che facevamo prima del suono della campanella.
Ricordo l'emozione dei primi amori, innocenti ma dal forte batticuore; i diari segreti che scrivevamo io e le mie compagne, inventandoci tante storie.

Ricordo me in bagno con le mie compagne a cantare Eros Ramazzotti "E ci seeeiiiii adesso tu!!! o la gara a chi prendeva più Brava e Bravissima, sfogliando le pagine del libro di lettura o il sussidiario. 

Ricordo il mio alfabetiere (lo fanno ancora!?), l'odore dei miei libri e le copertine colorate per salvaguardarli. Quanto mi piaceva il portapenne coi colori!!!! La penna cancellabile o quella dai 5 colori!

Ricordo che la maestra a un certo punto si ammalò e non venne più: per me fu un dramma, ricordo ancora la sensazione di vuoto. Qualche anno dopo, ormai alle medie, andammo a trovarla a casa, io e la mia cara amica e compagna di banco. Ricordo i suoi momenti di pausa, sempre in classe, con la maestra della classe accanto, prendendo un caffè, e i suoi commenti entusiasti verso di me. Parlava di me con le amiche! Che gioia sentivo nel cuore! Io ero sempre al primo banco (è stato sempre così fino al liceo!).

Non ricordo gli esami di 5° elementare. Ci credete? Del mio primo esame da cinquenne ricordo persino la classe, del mio esame di quinta elementare il nulla. Vuoto. Non so come mai?...Che strano!

Tutto questo per dire che non ne sono uscita traumatizzata né mi sono sentita di aver perso qualcosa, il famoso anno in più di gioco, né la spensieratezza.
Normalità insomma.

Probabilmente, senza fare troppi moralismi o sparare sentenze, era così normale prima poter scegliere di mandare i figli a scuola già a 5 anni che nessuno si poneva il problema, tanto da chiedersi se giusto o sbagliato.
Oggi invece, dopo varie riforme scolastiche (pensate e fatte giustamente da chi di dovere nel corso degli anni), ci poniamo tutti questa domanda, soprattutto dopo l'intervento di questi ultimi giorni del nostro appena eletto presidente Mattarella:
<Ma la scuola può fare molto, moltissimo, soprattutto per le famiglie più svantaggiate e i bambini meno fortunati. La scuola è lì per questo. Facciamola allora iniziare un anno prima. Non più a sei, ma a cinque anni. Per tutti...Anticipiamo di un anno l’ingresso nella scuola primaria e daremo un sollievo importante a tutte le strutture e a tutti i soggetti, pubblici e privati, impegnati nella cura e nell'educazione dei bambini da zero a cinque anni, agevolando, così, l’estensione di questi servizi sociali fondamentali, 
distribuiti in modo gravemente diseguale da Nord a Sud, a una fascia sempre più ampia della popolazione...>

Siamo diventati genitori più preoccupati rispetto al passato? Più ansiosi? protettivi? O più assennati e consapevoli? 
Lo chiedo anche a me stessa perché non so mica se mi sentirei sicura di mandare già a settembre (quest'anno???? oddioooo) mia figlia in prima elementare (compie 5 anni a ottobre).
Non lo so per il semplice fatto che OGGI non è più normale e la società mi spinge a pensarla come una cosa dannosa nei confronti dei bambini ancora bisognosi di giocare e vivere la scuola infanzia fino a 5 anni.

Avevo già avuto modo di riflettere su questo argomento, dopo aver seguito la puntata di Superquark la scorsa estate, su un cambiamento che verrà messo in atto proprio nel 2015 in alcuni cantoni della Svizzera: bambini a scuola già a 4 anni. 

Una scelta derivata dalla convinzione che i bambini, già molto piccoli, hanno la capacità di imparare e immagazzinare tantissime cose: soprattutto i primi anni di scuola sono molto importanti e tutti devono avere la possibilità di seguire determinati percorsi educativi, eliminando disparità e fornendo un vantaggio a tutti.

Per gli svizzeri l'educazione scolastica ha un'enorme importanza (ci sono rimasti male per essere stati valutati non benissimo da un'analisi condotta sui rendimenti scolastici di alunni di scuola superiore in tutto il mondo) ma ovviamente le polemiche ci sono state lo stesso.

Sicuramente le polemiche si scateneranno anche in Italia, di fronte alla proposta di Mattarella.

Io però, tra la spiegazione che spinse mia madre a iscrivermi a scuola a 5 anni (perché mi annoiavo all'asilo e secondo lei ero già pronta) e la proposta di Mattarella ("diamo a tutti i bambini sin da piccoli la possibilità di ricevere gli stimoli giusti, utili per il futuro, cercando di eliminare diseguaglianze e ingiustizie") preferisco quella di Mattarella: se si struttura un sistema scolastico adeguato ad accogliere a scuola i bambini già a 5 anni, è giusto che tutti possano usufruirne senza differenze e in egual misura.

Voi cosa ne pensate? avevate già letto questa notizia?

Vivy
Lascia un commento e il link del tuo blog: ricambieremo volentieri la visita!

8 commenti

Lascia un commento
23 febbraio 2015 06:55 ×

Anche io ho vissuto la primina come un evento normale e trovo poco comprensibili i dubbi eccessivi, soprattutto in una società in cui all'asilo si "lavora" davvero tanto! Ai nostri tempi si giocava senza una reale preparazione alla scuola elementare!
Certo che poi ogni genitore dovrebbe valutare il caso personale...

Reply
avatar
23 febbraio 2015 09:14 ×

Oggi la scelta dell'anticipo è già attuato per chi compie i 6 anni. I primi mesi dell'anno, mia figlia ha appena fatto l'iscrizione a Birba che va in prima, lui compie gli anni in ottobre e non abbiamo pensato all'anticipo (anche perché la scuola dell'infanzia qui da noi, Emilia Romagna, è molto attiva e mio nipote la frequenta molto volentieri). Con lui si sono iscritti 3 suoi amiconi anticipatarii perché la legge lo consente senza dover fare nessun esame finale. Il discorso del presidente Mattarella è giusto, la scolarizzazione è importante in uno stato civile sano, come sottolinea lui bisogna che lo spazio e le attività siano adeguate, questo consente di togliere le spese ai comuni che devono garantire la scuola dell'infanzia ai cinquenni perché obbligatoria per legge.

Reply
avatar
23 febbraio 2015 09:29 ×

Si, se non sbaglio possono andare a 5 anni i bambini che compiranno 6 anni entro il 30 aprile...giusto?
Vy

Reply
avatar
23 febbraio 2015 20:50 ×

Mia figlia ha iniziato la scuola a 5 anni e non ho notato nessuna differenza/difficoltà nei confronti dei compagni di classe, che di fatto, hanno un anno in più. Quindi io sono d'accordo con te e con Mattarella... è mia figlia che non lo è, e ancora adesso che è in quarta mi dice che vorrebbe tornare all'asilo, pensa te!!Ciao a tutte:-)

Reply
avatar
plotina
admin
24 febbraio 2015 03:51 ×

Anche la scuola dell'infanzia è scuola e fornisce ai bambini molti stimoli e nozioni. Per tanti bambini l'ingresso anticipato è causa di difficoltà che per durano negli anni... non tutti sono pronti a stare fermi e concentrati come richiede la scuola primaria già a 5 anni... adesso non si è più uditori. Non so Vivy... mi chiedo... In questa società che è sempre più difficile... ma che fretta c'è?

Reply
avatar
Vivi Z.
admin
24 febbraio 2015 11:56 ×

Per me è una scelta individuale e dipende molto dal bambino, di principio non sono favorevole a questa scelta, cercherei più la qualità dell'insegnamento rispetto all'età in cui si inizia. Ciao:)

Reply
avatar
Nadia
admin
18 marzo 2015 17:10 ×

Noi avremmo la possibilità con la nostra prima figlia di anticipare ma non lo faremo. Purtroppo rispetto ad una volta sono cambiati i tempi e per tempi non intendo gli anni 80 o 90 o 2000 intendo che una volta andare alle elementari era entrare alle 8.30 ed uscire alle 12.30 . stare con i nonni o con mamma e papà ed andare l pomeriggio alle 15 o alle 16.00 a giocare con gli amici in cortile o al parco. Oggi i bimbi che frequentano le elementari lo fanno fino alle 16,30 se non fanno i post scuola ed i molte realtà poi tornati a casa magari dopo un minimo di attività sportiva devono fare i compiti. Costringere una bimba di 5 anni a questi ritmi mi è sembrato brutto. non riesco ad immaginare subito di lasciarla rinchiusa cosi' tanto tempo. Vorrei darle la possibilità ancora per poco tempo di viversi i pomeriggi uscita dalla materna, di decidere un giorno di potere stare a casa perchè non le va a giocare con i suoi pony. insomma di fare la bambina prima di diventare un bambino che entra al mattino ed esce a tarda sera da scuola.. e non perchè è mia figlia.. ma questo orario cosi' prolungato lo trovo disumano per i bambini...

Reply
avatar
18 marzo 2015 18:20 ×

Si, infatti credo anche io che, in caso si procedesse con quella riforma, bisognerebbe rivalutare l'intero sistema e soprattutto gli orari di scuola.
È vero che oggi il tempo pieno permette a tante famiglie di organizzarsi col lavoro e gli orari (oggi sarebbe molto scomodo andare a prendere i figli alle 12.30 sia per i genitori sia per i nonni che spesso ancora oggi lavorano), ma credo anche che dovrebbe esserci maggiore possibilità di scelta.
Una cosa che mi terrorizza (e mia figlia andrà a scuola a 6 anni precisi) è proprio il tempo pieno che nel nostro paese è obbligatorio, cioè c'e solo quello e anche volendo non potremmo fare diversamente.
Sono fiduciosa sull'organizzazione delle attività e spero non li facciano solo studiare (fino alle 16.30!!!) e questo indipendentemente dagli anticipi (ingresso a 5 anni).
Ci si abitua a tutto...e se oggi il sistema scolastico è questo, vuol dire che è stato strutturato bene (spero). Però...che bei tempi quando noi facevamo scuola fino alle 12.30, a casa si pranzava e si guardava Il Pranzo è servito (:-)) e poi compiti con tutto il tempo di giocare e fare attività sportiva!!!
:)
Grazie per il commento
Vivy

Reply
avatar