Che acqua bevete e date ai vostri bambini?

Il caso: l'acqua della festa (epilogo)

Come raccontavo in questo post, mi era capitata tra le mani una bottiglia di acqua dal sapore nauseante simile a quello di una medicina. 

Considerato che la bottiglia era stata acquistata per una festa per bambini, vestitami degli abiti di mamma-dective, avevo fatto le mie indagini.

Ebbene, quell'acqua dall'aspetto innocente in effetti era innocente: attinta da una fonte di montagna aveva avuto la sfortuna di essere stata imbottigliata in una bottiglia di plastica la quale, a sua volta, aveva avuto la sfortuna di essere stata immagazzinata a stretto contatto con una bottiglia di plastica contenente sciroppo di fragole (quello per i dolci).

Acqua  e bottiglie assolte per  mancanza di colpa o dolo. Alcune delle persone coinvolte nella vicenda indagate, invece, per negligenza o ignoranza. 

Ignoranza anche mia. Perché la verità che non conoscevo è che la plastica con cui sono fatte le bottiglie è tutt'altro che “impermeabile”.

Se una bottiglia d’acqua viene tenuta, come nel mio caso, accanto ad una bottiglia di liquido saporito, c’è fra le stesse trasmissione di sostanze.  Se si pulisce il tavolo con lo sgrassatore e vi si posa una bottiglia di plastica per un po’ di tempo, gli eventuali residui di sgrassatore potrebbero contaminare l’acqua.

Per me questo è stato uno shock al quale sono seguiti altri approfondimenti.


Premetto che non sono un’esperta (ho fatto tutt’altri studi) ma sono una mamma e, come tale ho voluto documentarmi sull'argomento per prendere una decisione consapevole.

Sintetizzo i risultati della mia ricerca personale:

    - secondo molti esperti, non abbiamo certezza che il PET delle bottiglie d’acqua sia del tutto privo di BPA o bisfenolo-A (che noi mamme conosciamo perché sulle scatole dei biberon c’è sempre scritto: “non contiene bisfenolo-A”), una sostanze correlata all'insorgere di problemi di infertilità maschile e femminile e di tumori al seno ed alla prostata;

- l’acqua in bottiglia di plastica, se  tenuta al caldo, per es. in camion e magazzini non adeguati, è a rischio cessione chimica, cioè passaggio di particelle dalla bottiglia di plastica all'acqua;

- l’acqua in bottiglia contiene conservanti. Il carabiniere del NAS mi disse che l’acqua che viene commercializzata oggi probabilmente è stata imbottigliata almeno un anno fa e di sicuro scadrà almeno fra un anno (questo lo possiamo verificare sulle bottiglie che abbiamo in casa). Tutto ciò non è possibile senza conservanti;

- l’acqua del rubinetto è soggetta a molti più controlli dell’acqua in bottiglia, in alcuni Comuni l’acqua dell’acquedotto viene controllata anche mille volte all'anno.

Per queste ragioni, l’anno scorso, io e mio marito abbiamo deciso di salutare l’acqua in bottiglia di plastica, tornare alle tintinnanti bottiglie di vetro e bere acqua del rubinetto, dotandoci di un impianto di depurazione casalingo che le migliora un po’ il sapore e la composizione.

Per carità, anche l’impianto può avere i suoi difetti, per es. c’è il rischio che privi l’acqua anche di sali minerali “buoni” per l’organismo ma, nel bilancio costi-benefici (rischi sopra elencati, ragioni ecologiche, non più plastica in casa, non più fatica nel trasporto, costo dell’acqua inferiore) ci è sembrato la soluzione migliore. 


Voi che ne pensate? 

Ketty
Lascia un commento e il link del tuo blog: ricambieremo volentieri la visita!

7 commenti

Lascia un commento
la zia!
admin
17 marzo 2014 09:57 ×

Penso che spero prima o poi di riuscire a convincere mio marito a mettere il depuratore e a bere l'acqua del rubinetto.. Non vuole fare l'investimento, ma secondo me sarebbe il caso. Negli anni poi si recupera anche il costo iniziale e a un certo punto si risparmia pure, vero?

Reply
avatar
17 marzo 2014 10:23 ×

Ci sono diverse formule d'acquisto a seconda del rivenditore. Noi abbiamo adottato la formula del pagamento a rate. A conti fatti, i primi anni si paga una cifra simile a quella che si sarebbe speso per acquistare l'acqua in bottiglia al supermercato; concluso il pagamento dell'impianto, negli anni successivi, resta solo il costo (basso) di una tassa di smaltimento del filtro. Se vuoi altre info puoi scrivermi in privato. Buona giornata! Ketty

Reply
avatar
The AnarCHIC
admin
18 marzo 2014 00:42 ×

abbiamo montato da un paio d'anni l'impianto anche a casa nosra e le bottiglie sono rigorosamente di vetro... molto meglio! piacere di conoscerti!
Un abbraccio,
Eva e Valentina the anarCHIC

Reply
avatar
cristina R.
admin
18 marzo 2014 05:55 ×

qui da noi per fortuna si può bere l'acqua del rubinetto. ma è bene scrivere post come questo e far girare queste info.
xx
http://sofiscloset.blogspot.it/

Reply
avatar
Anonimo
admin
18 marzo 2014 08:05 ×

Questa storia dello sciroppo di fragola è sconvolgente! anch'io ho la fortuna di vivere in un paesino della Germania dove l'acqua si può bere dal rubinetto, ha valori indicati anche per i più piccoli ed è buonissima..

Reply
avatar
18 marzo 2014 16:05 ×

Piacere nostro! Avete un sito bellissimo, ipnotico.

Reply
avatar
18 marzo 2014 16:08 ×

Un giorno verrò in Germania, mi manca ancora fra le tappe dei miei tanti viaggi. Ti faccio sapere ;-) . Ketty

Reply
avatar