Alla scoperta della natura con Naturalia


Alcuni sostengono che per compiere un viaggio è sufficiente un libro. 
Nulla di più vero se il libro in questione è “Naturalia”, edito da La Margherita Edizioni.  
Sfogliare quest’albo genera sensazioni molto simili al brivido della scoperta compiuta con gli scarponi ai piedi e lo zaino in spalla, con il vantaggio di godersi le bellezze della natura selvaggia comodamente sprofondati sul divano e abbracciati ai propri bambini.
Mia figlia lo ha denominato “Il libro magico”.

Cos’è, dunque, Naturalia?
Si tratta di un albo che racconta con illustrazioni grandi e fedelissime alla realtà, fin nei minuscoli dettagli, dieci meravigliosi habitat del mondo popolati da una grande varietà di animali e vegetali: foresta pluviale del Congo, Deserto Simpson, Barriera Corallina di Apo e tanto altro.

Quel che rende straordinario il libro è la tecnica rappresentativa: i designer milanesi Carnovsky hanno creato, con tecnica digitale, usando tratti a matita scansionati, illustrazioni caleidoscopiche che mutano a seconda della lente con le quali si ammirano le pagine.
L’albo è dotato infatti di tre filtri/lenti luminosi che permettono di vedere, sulla stessa pagina, prospettive e animali diversi a seconda del filtro/lente colorato che si utilizza:
- usando la lente rossa si vedono le creature che abitano un ambiente di giorno;
- con la lente verde si colgono i dettagli del regno vegetale;
- con la lente blu si scoprono le creature notturne e crepuscolari.
I filtri permettono dunque di decifrare illustrazioni a prima vista costituite da immagini sovrapposte e linee disordinatamente intrecciate, se pur già affascinanti nella loro apparente confusione.
libro sulla natura

Questo “viaggio” è arricchito poi da pagine informative, guide alle specie, che approfondiscono la conoscenza di  ogni creatura visibile nei vari habitat.
I toni narrativi sono coinvolgenti, i testi non cedono mai alla noia di libri a carattere meramente didascalico.  

Oso dire che leggere quest’albo con i bambini è un’esperienza ancora più entusiasmante della visione dei documentari che pure tanto amiamo. La visione della TV è pur sempre azione passiva mentre sfogliare un albo del genere rende il bambino protagonista della scoperta e diventa un gioco comunitario: chi riuscirà per primo a distinguere nella visione notturna con lente blu l’aquila coronata? Quale delle creature diurne delle Ande visibile con filtro rosso già conosci? E così via.

Consiglio questo libro a tutti gli adulti e i bambini, dai 6 anni in su, che amano la natura nelle sue più variopinte manifestazioni e sanno abbandonarsi al suo stupore.

Per gli amici di Prato, l’album è disponibile, naturalmente, presso la stupenda libreria Il paese dei baobab.


Ketty
Lascia un commento e il link del tuo blog: ricambieremo volentieri la visita!

3 commenti

Lascia un commento
19 novembre 2016 09:54 ×

Mi viene da esclamare solo...wow!!!!

Reply
avatar
Beat
admin
19 novembre 2016 14:49 ×

Ma che bello!! l'avevo visto su IG e volevo saperne di più! Un po' il concetto usato dai vecchi libri "3D" che avevo da piccola, quelli con le lenti rosse e verdi, per intenderci ;) ma usato in modo diverso, a quanto ho capito. Bella idea, tra l'altro le immagini mi sembrano molto suggestive anche senza alcun tipo di lente! Grazie per il consiglio :)

Reply
avatar
Stefania
admin
20 novembre 2016 13:09 ×

Ma che bello! Davvero... e poi, lasciatemelo dire, che belle voi nelle foto in testa al blog!!

Reply
avatar