Una passione comune si esprime in un evento #letturaadaltavoce

Quando una passione è intensa, prima o poi, come un bocciolo, si dischiude, fiorisce e trova un davanzale sul quale godersi il sole.

E’ questo quello che è accaduto a me, Viviana e Francesca.

Ne abbiamo tanti di interessi simili ma quando abbiamo aperto questo blog non sospettavamo certo di essere accomunate dall’amore per la lettura.
L’avevamo dentro, un bocciolo timido. Poi, strada facendo, di post in post, di recensione in recensione, abbiamo scoperto le nostre carte: il nostro gioco preferito, con i nostri bimbi, è leggere ad alta voce dei libri, entrare nelle storie, renderle vive con chiacchierate e lavoretti.

Per questo, quando la nostra amica Lara, presidente dell’associazione Ecologicamente, ci ha chiesto la disponibilità a partecipare alla giornata del baratto con un’attività per bimbi, la scelta più naturale è stata quella di allestire una lettura animata con lavoretto finale.

Com’è andata? Pensiamo bene. I protagonisti, i bambini, hanno partecipato alla lettura con grande concentrazione ed al lavoretto con tanta creatività. 
C'era aria di divertimento, bambini che si contendevano i libri della biblioteca del baratto e colori dappertutto.


L’evento in breve

Piccolo buiolettura animata a cura delle mamme di Kevitafarelamamma. 
Se non conoscete il libro,
la recensione è qui

Dopo la lettura, realizzazione dei personaggi della storia con la tecnica del collage.
Materiale utilizzato: colla vinilica stesa con pennelli, pezzetti di stoffa colorata, ciuffi di lana, bottoni, pasta, riso.


I ruoli

Francy: regista e scenografa che ha stupito con effetti speciali (ma dove l’ha trovata quella meravigliosa mini – lavatrice Miele?)

Viviana: manager della comunicazione, colei che ha spiegato il significato profondo della lettura ad alta voce, creando anche un meraviglioso volantino.

Ketty: lettrice, due buffi codini e voce da Pollon combinaguai.

I nostri figli:la nostra ispirazione, i nostri segretari artistici, i suggeritori, il pubblico delle prove.

Liberamente ispirato all'editoriale di  IlLibraio.it


Reazioni
Bambini incantati e stupiti dalla lettura, dalle marionette  e dagli oggetti che Francy e Vivy muovevano, facendoli sbucare a sorpresa da un pannello creato artigianalmente. 
La voce narrante si fondeva con i personaggi di cartoncino colorato e con il gioco delle luci, realizzato da una torcia dietro la carta velina dall'arancione al bianco. Un susseguirsi di emozioni che facevano vibrare il nostro piccolo/grande pubblico tanto da sentirsi dire alla fine: ANCORAAAA!

Retroscena
Abbiamo preparato l’evento con innumerevoli bip bip di whatsapp e due incontri seral/notturni a casa mia conclusisi con pettegolezzi da donne (rispondete sinceramente … conoscete amiche che non spettegolano ogni tanto?) per buona pace del mio paziente marito che quando ha visto tre donne armate di libri, forbici e materiale di cartoleria, insediate sul suo divano, si è ritirato mestamente nella sua stanza (grazie, amore, grazie).

Prossimi appuntamenti
… non lo sappiamo, però siamo certe che in forma privata o pubblica, ripeteremo l’esperienza. Ci abbiamo preso gusto!

E voi avete mai trasformato una vostra passione in un piccolo/grande evento?


Ketty
Lascia un commento e il link del tuo blog: ricambieremo volentieri la visita!

9 commenti

Lascia un commento
24 settembre 2014 15:08 ×

Ma che bello!!! Brave, brave, brave!

Reply
avatar
24 settembre 2014 16:30 ×

Ragazze! Siete bravissime!!!
La lettura ad alta voce, la drammatizzazione e le attività creative sono momenti formativi stupendi! Davvero complimenti, peccato non esserci stati...
Spettegolare è un'arte e va onorata con sessioni frequenti e soprattutto privatissime! ;)
Bacetti

Reply
avatar
Alex Bonetto
admin
29 settembre 2014 01:01 ×

D'accordo su tutto con te, infatti ti condivido sicuramente sulla mia pagina Fb anche se non ho prole mia. Bacio, alex

Reply
avatar
Stefania
admin
29 settembre 2014 14:30 ×

...io ho fatto parte di un gruppo di lettori volontari e un annetto fa ogni sabato pomeriggio ero impegnata con loro e tanti bambini... poi le mie esigenze familiari sono cambiate, il sabato la principessa di casa ha iniziato ad avere degli impegni che richiedevano anche la mia presenza ed ho dovuto lasciare ma... alla prima occasione utile mi rimetterò in carreggiata! Evviva le storie!

Reply
avatar
29 settembre 2014 22:52 ×

Stefania, che bella esperienza di volontariato! Vedrai che un giorno riprenderai e magari la tua principessa ti farà da pubblico e assistente.

Reply
avatar
29 settembre 2014 22:54 ×

Grazie Fenice, la prossima volta ti avvertiamo per tempo così, se passi da queste parti, partecipi allo spettacolo e allo spettegolo! ;-)

Reply
avatar
Tinella
admin
8 ottobre 2014 10:02 ×

Che bello, me l'ero perso. Grazie per questa descrizione dettagliata, sono una lettrice volontaria e gli spunti degli altri sono un aiuto inestimabile :)

Reply
avatar