Spannolinamento e momenti fuori casa

Una delle domande che mi posi quando iniziai il percorso del "ciao ciao pannolino" con mia figlia (allora 26 mesi) fu: come affronto i momenti fuori casa?
Erano i giorni in cui Miss Energy non riusciva ancora a comunicarmi tempestivamente il bisogno di fare pipì ed era capace di controllare la vescica per un tempo limitato.
In pratica alla seconda “P” della frase “Mamma, mi scapPa la pipì”,  poteva già essere bagnata.
Uscire con lei senza pannolino, significava correre il rischio che bagnasse il seggiolino dell’auto o che facesse pipì mentre passeggiavamo per strada.

Che fare allora?
a) Rinunciare ad uscire finché la piccola non avesse affinato le sue capacità di gestire pipì e popò?
b) Farle indossare il pannolino quando uscivamo?
c) Studiare altri stratagemmi?

Come escludere la soluzione a).
Rinunciare ad uscire sarebbe stato un autentico sacrificio per me e per lei, abituate a fare le nostre passeggiate rilassanti tutti i giorni, anche al freddo e al gelo.
Si, siamo femmine che amano stare in casa, fare lavoretti, leggere, cucinare insieme ecc. ma alla nostra “ora d’aria”, per sgranchire le gambe e curiosare in giro, non rinunciamo quasi mai.

Come confutare l’ipotesi b). 


Farle indossare il pannolino fuori casa mi sembrava che potesse confonderla, rallentando il processo di spannolinamento:“Che si fa mamma? Prima mi fai tutti i discorsetti e mi racconti le storie del bimbo senza pannolino e poi alla prima occasione me lo fai indossare di nuovo?”.
La coerenza prima di tutto, ce lo dicono tutti gli esperti, in tutte le salse.

Non mi restava che ricorrere ad altri metodi:
1) Farle fare la pipì un minuto prima di uscire;
2) Uscire prediligendo mete con bagno facilmente e velocemente accessibile;
3) Procurarmi un vasino portatile da usare in mancanza di bagno.

Eh si, per chi non lo sapesse, è in commercio un ganzissimo vasino portatile, il vasino da viaggio EKKO.

L’ho scoperto navigando su You tube ed ho voluto subito comprarlo (si trova per es. nei negozi Prenatal).

Ha tante doti. E’ poco ingombrante perché si piega e diventa piatto, si può infilare in borsa o riporre nel vano inferiore del passeggino. E’ versatile perché può fungere da vasino con le alette montate verticalmente o da riduttore (per i bimbi che non apprezzano il vasino) con le alette disposte orizzontalmente. Non costa molto, sui diciassette euro. E’ igienico perché pipì e popò vengono raccolti nei sacchetti in dotazione che si ripiegano in pochi istanti  e si buttano via senza lasciare odori molesti.

Infine, forse non ci crederete, fa fare amicizia e incentiva lo spirito di squadra!
Non capite perché? Ve lo spiego.
Quando l’ho consigliato alle mamme amiche,  è capitato di ritrovarci al parco con bimbi e vasini portatili al seguito.
Poteva allora compiersi un momento rituale: quando uno dei bimbi impegnato nelle giostrine manifestava di voler fare pipì,  anche gli altri bimbi venivano chiamati a raccolta dalle mamme per poter fare tutti insieme la pipì, ciascuno nel proprio vasino portatile.
Sistemavamo i vasini in un angolo del parco lontano dalla folla e esortavamo i bimbi a far pipì. Un bimbo incoraggiava o imitava l’altro e l’impresa riusciva.

Come recita il detto? “Gli amici devono stare insieme nel momento del bisogno”.
E perché no?! Anche nel momento del “bisognino”.


Ketty

Se volete approfondire l'argomento "spannolinamento", vi suggerisco questi due post della Francy: Libri che aiutano a togliere il pannolino e Ciao ciao, pannolino!
Lascia un commento e il link del tuo blog: ricambieremo volentieri la visita!

2 commenti

Lascia un commento
pinkg
admin
16 giugno 2014 14:14 ×

Ciao Ketty e ciao a tutte! Fighissimo questo vasino! Non lo conoscevo ma dovrò dotarmene! Ottimo in viaggio
Vi ho scoperte grazie a http://mammaaiutamamma2014.blogspot.it/2014/06/abbiamo-vinto-il-premio-liebster-award.html.
Vi seguo ;-) A presto,!

Reply
avatar
23 giugno 2014 14:10 ×

Ciao, l'idea del vasino portatile è sicuramente un ottima idea, almeno per la cacca, per quanto riguarda la pipì, quella gliel'ho sempre fatta fare vicino ad un tombino o un po' di erba.
La cacca invece ho sempre avuto il terrore che la volesse fare fuori.. con la prima figlia tutto ok, l'ha sempre fatta a casa, mentre il secondo, per esmepio ieri al mare gliel'ha abbiamo fatta fare nel secchiello.... aiuto......

Reply
avatar