I libri che ho letto nel 2017: la mia classifica

Da qualche anno ho l'abitudine di organizzare i libri che leggo per anno, confinando in una cartella intitolata "Non vado avanti" quelli che per diversi motivi non riesco a leggere e che abbandono senza possibilità di ritorno.

Anche quest'anno, come negli anni precedenti, ho letto 25 libri digitali più qualche cartaceo e ovviamente tanti libri per bambini/ragazzi non contenuti in questa lista.

Ho già detto che amo soprattutto i gialli e che grazie ai miei viaggi in treno riesco a leggere con costanza, anche se attraverso periodi in cui metto da parte i libri per scrivere o ascoltare la musica.
Per esempio, in questo ultimo mese, non ho letto molto e in questo momento vado a rilento con l'ultimo libro di Marco Vichi (Nel più bel sogno) che, tra l'altro, attendevo da tempo.



Ho deciso di scrivere questo post non solo per condividere la lista dei libri che ho letto nel 2017, ma anche la mia personale classifica. Indubbiamente molti di loro sono ancora vivi nella mia mente mentre altri fatico a ricordarli. Grazie a questo lavoro posso rivederli e ripercorrerli, cosa che posso fare solo perché sono in vacanza:)))
L'elenco mi ha fatto notare, inoltre, che mi sono avvicinata a generi diversi (non solo gialli quindi!), una vera sorpresa!


Ecco quindi i libri e gli autori che mi hanno accompagnato in questo ultimo anno, in ordine di gradimento per me.

Lo strano viaggio di un oggetto smarrito - Salvatore Basile

Ciò che inferno non è - Alessandro D’Avenia

L’Arminuta - Donatella Di Pietrantonio

Pulvis et umbra - Antonio Manzini 

Chi manda le onde - Fabio Genovesi

Scrivere è un mestiere pericoloso - Alice Basso

Delitto e rovescio - Claudio Paglieri 

Rondini d’inverno - Maurizio De Giovanni

Un po’ di follia in primavera - Alessia Gazzola

Arabesque - Alessia Gazzola 

Doppio delitto al Grand Hotel Miramare - Emilio Martini (4)
A pari merito tutti gli altri che ho letto di seguito, in ordine cronologico (1 La regina del catrame, 2 Farfalla nera, 3 Chiodo fisso, 5 Il mistero della gazza ladra, 6 Invito a Capri con delitto)

Torto Marcio - Alessandro Rebecchi 

La rete di protezione - Andrea Camilleri

Sinestesie - Mara Tribuzio

Esche vive - Fabio Genovesi

Il mare dove non si tocca - Fabio Genovesi

Una storia nera - Antonella Lattanzi

Uomini nudi - Alicia Giménez Bartlett 

La pavoncella - Emanuele Gagliardi

Ci sono bambini a zigzag - David Grossman

Ci tengo a fare una menzione speciale a Sinestesie di Mara Tribuzio di cui vi ha parlato anche Ketty, perché rientra perfettamente tra quei libri che mi hanno sorpreso e tenuta avvinghiata alle pagine, nonostante fosse un genere di lettura per me inusuale. Inoltre, essendo scritto da una persona che conosco bene, ho cercato di mantenere un atteggiamento distaccato per non lasciarmi influenzare dal senso di amicizia e stima che provo per l'autrice. Lo consiglio per chi ha bisogno di una lettura appassionante, intrisa di poesia e riflessioni che fanno bene al cuore.

Tra i libri letti, c'è anche la Bartlett che io adoro per il suo commissario Pedra Delicado. "Uomini nudi" non ha a che fare con le indagini ed è un romanzo che mi ha lasciata molto perplessa, quasi sconvolta non solo per la storia ma anche e soprattutto perché dalla Bartlett mi aspettavo qualcosa di diverso. Ecco perché nonostante il mio amore per lei, l'ho confinata in fondo alla lista.

Nella cartella "Non vado avanti" ci sono 4 libri: Un delitto fatto in casa di Gianni Farinetti, Gli anni della leggerezza della Saga di Cazalet, Dove la storia finisce di Alessandro Piperno, Tutta colpa del tè di Marta Savarino.



Siccome ci ho preso gusto, vi indico anche una lettura (cartacea) appena ricevuta in regalo e che si legge tutta d'un fiato, Buona vita a tutti di J. K. Rowling (l'autrice di Harry Potter). Si tratta del discorso tenuto dalla scrittrice invitata alla cerimonia di laurea di Harvard. Fallimento e importanza dell'immaginazione sono i temi principali del suo discorso: bellissimo leggerli integrati alle esperienze di vita dell'autrice della saga, oggi, più famosa al mondo.

«Non occorre la magia per trasformare il mondo. Dentro di noi abbiamo già tutto il potere che ci serve: il potere di immaginarlo migliore».

Per quanto riguarda invece i libri illustrati che ho preferito nel 2017, ecco la mia top five:

L'orso e il piano

La volpe e la stella (non ho ancora scritto la recensione)

Mortina

La ragazza che salvava i libri

Un Natale da favola

Ecco qui. Adesso spero solo in un 2018 ricco di letture appassionanti e di cui avrò piacere di parlarvi alla fine del prossimo anno.

Vivy
Lascia un commento e il link del tuo blog: ricambieremo volentieri la visita!