Sono figa perché ho una stanza tutta per me

Sono una persona socievole, mi piacciono gli eventi comunitari, credo nell’amicizia, organizzo volentieri cene affollate.
Allo stesso modo ho bisogno, per carattere, di ampi spazi di solitudine.

Non ho mai subito la solitudine, piuttosto l’ho cercata. Passeggiate e viaggi solitari, ore in casa in silenzio senza radio e senza tv. 



È questo il mio carattere anche da mamma
Adoro stare con i miei bambini, sono giocherellona e paziente, gongolo quando la casa si riempie di amichetti.

Allo stesso modo, ho bisogno di lasciare qualche volta i miei figli in buone mani e ritagliarmi degli spazi solo per me. 
Una stanza tutta per sé” è il mio saggio preferito di Virginia Wolf. Ecco, io ce l’ho una stanza tutta per me. È nella mia testa, è in questi spazi di tempo in cui conto solo io


A novembre ho vissuto situazioni in linea con entrambi i lati del mio carattere


Mamma chioccia

Mio marito è stato fuori città per lavoro otto giorni. Sono stata otto giorni in ferie dal lavoro, in casa con i miei bambini. Apnea.
Poco importa che ci siamo ammalati tutti proprio quei giorni (ma quanto è contagioso il virus gastro-intestinale?). E’ stato stupendo vivere ogni minuto fianco a fianco, modello mamma-gallina che cova serena le sue uova.
Ho gustato ogni dettaglio casalingo, pur fra un vomitino e un altro, con indosso la tuta da casa e i capelli bianchi in proliferazione: il parrucchiere, questo sconosciuto, con due bimbi in casa ammalati!


Donna nella “stanza tutta per sé”

Mio marito è tornato e i bambini l’hanno assorbito.

Ciao ciao, marito e figli, amori miei, ora ho proprio bisogno di entrare nella stanza tutta per me, senza di voi. Poi vi racconto tutto.

Ciao ciao, casa. Quel centimetro di polvere non fa male a nessuno, terrà caldi i mobili per qualche ora in più.
A novembre spazio per me per:

- una passeggiata al parco sotto la pioggia, fotografando i colori dell’autunno;
- lezione di scrittura autobiografica dal titolo: “Vorrei un tempo lento lento”
- hata yoga con le mie amiche;
- sabato a Milano per il mammacheblog creativo 2015 con la mia adorata amica Viviana.
Cosa ho scoperto dopo questi momenti?

Che la felicità mi si leggeva sul volto e mi rendeva affascinante. Mio marito (che ridere!) ammiccava diversamente tutte le volte che tornavo a casa. Insomma, la felicità è meglio di una seduta di make – up.
 

Che il tempo per me non sottrae tempo ai miei figli. In che senso? Nel senso che quando faccio qualcosa per me stessa mi carico di quel vigore che mi fa essere una madre ancora più paziente, amorosa e creativa. 
Venite pure da me, bambini, aggrappatevi alla mia schiena come scimmie imbizzarrite, risucchiatemi pure tutti i sali minerali e le vitamine che ho in corpo. Quando esco dalla “stanza tutta per me”, sono pronta a tutto

Che mia madre e mia suocera, le mie mamme - modello, lungi dal giudicarmi, mi applaudono
Mi sarei aspettata un dolce-velato "Ma non ti senti in colpa a lasciare marito e figli"? E invece erano tutte contente nell'ascoltare i miei racconti! Se io sono figa, loro sono strafighe!

Dopo i tanti #noncelapossofare, questo mese mi sono sentita proprio figa.Tutto merito della "stanza tutta per me”. 

Con questo post partecipo alla catena del gruppo M di mamma, mamma #diversamentefiga.


E voi quando vi siete sentite #diversamentefighe? 


Ketty
Lascia un commento e il link del tuo blog: ricambieremo volentieri la visita!

1 commenti:

Lascia un commento
2 dicembre 2015 15:15 ×

Ketty che dire, sono proprio come te. Baci
la effe

Congrats bro lafenicerinascedase you got PERTAMAX...! hehehehe...
Reply
avatar