L'albero dei bambini

<<Mamma, mi racconti quando ero piccola nella tua pancia? Ma come ho fatto a entrarci? Mi hai mangiato?>>

Queste sono alcune delle domande che ultimamente bimbuzza mi ha posto, trovandomi per alcuni aspetti impreparata.
Non si è accontentata della spiegazione "eri un semino piccolo piccolo che poi è cresciuto dentro la pancia..."!



L'albero dei bambini, Sophie Blackall - Gallucci
Età di lettura: dai 5 anni (ma secondo me anche da 4).

No...perché ha voluto poi conoscere i dettagli: <<Ma allora hai mangiato il seme? e come sono uscita dalla pancia?>>.

Non mi aspettavo domande così precise e, sono sincera, mi sono confusa e lì per lì ho sviato il discorso, ripromettendomi di spiegarglielo per bene dopo un confronto con altre mamme.
Ma come al solito mi è venuto in soccorso un libro.
Vi abbiamo già parlato di E io dove stavo (di cui si è servita Francy).

Noi invece abbiamo letto "L'albero dei bambini" che mi ha fatto tanto sorridere oltre che intenerire, perché nella prima parte mette in evidenza l'imbarazzo e la difficoltà degli adulti verso certe domande dei bambini.
Ho provato imbarazzo in prima persona quindi confermo che è facile, se non si è preparati, raccontare storie alternative in fin di bene con il solo risultato, però, di confondere ulteriormente la mente curiosa dei nostri bambini.


Il bimbo protagonista del libro riceve dai genitori la notizia che presto avrà un fratellino e questo scatena in lui una serie di domande tra cui: ma da dove vengono i bambini?

Non lo chiede subito ai genitori perché deve ancora metabolizzare la notizia, ma pone la domanda alle persone con cui ha a che fare ogni giorno: alla baby sitter, alla maestra, al nonno, al postino...e riceve risposte imbarazzate e soprattutto non veritiere, cioè quelle che probabilmente abbiamo ricevuto noi quando eravamo piccoli:-)

Le immagini del libro rappresentano di volta in volta le risposte che vengono date al bambino e che sono davvero divertenti: mi hanno fatto pensare a quanto sia importante dire ai bambini le cose come stanno, proprio per evitare che nella loro testa si formino immagini distorte della realtà. 
Tra i 4 e i 5 anni, secondo la mia esperienza di mamma, non ci si può permettere più di inventare storielle.
Bimbuzza per es. non si accontenta mai di risposte evasive e date "tanto per...". Vuole capire bene, ascolta interessata e se qualcosa non la convince (lo capisce se la voglio fregare!!!) mi fa quella domanda mille volte anche a distanza di tempo.



A volte ho l'impressione che lei a un certo punto lasci perdere per darmi tempo, come dire: "ok adesso mi hai risposto così, non sono convinta. Pensaci bene però perché tornerò a farti questa domanda e tu nel frattempo preparati".

Per es. il discorso dell'ospedale (la maestra al bambino risponde "i bambini vengono dall'ospedale") ha reso bimbuzza preoccupata. Quando anche io tempo fa le risposi che lei è nata in ospedale, saltando tutti i dettagli e da dove fosse uscita, si è preoccupata tantissimo per me (ha ragione in effetti ahah) e ovviamente mi ha chiesto cosa mi avessero fatto i dottori.
Mi fa troppo ridere l'immagine del libro sui bambini che escono dall'ospedale Ahaha la mia preferita! 



Saranno i genitori a spiegare esattamente da dove vengono i bambini. È vero che non spiega "l'atto pratico" quindi è nata spontanea la domanda di bimbuzza: <<Ma il babbo come ti ha messo il seme nella pancia!?">>
Ecco, nell'ultima pagina c'è un approfondimento apposta per i genitori con le risposte utili da dare per domande di questo tipo.



Ci consideriamo tanto "avanti", genitori all'avanguardia, mentalmente più aperti rispetto ai nostri genitori...poi però di fronte a certe tematiche mostriamo ancora qualche tabù.

Ha ragione il dott. Pellai, che ho ascoltato con molto interesse al Mammacheblog, quando dice che è importantissimo parlare con i propri figli e trovare forme di dialogo costruttive, perché in un modo o nell'altro i bambini/ragazzi troveranno le risposte (da un amico, su internet...ma questo in effetti è un capitolo a parte) e non sempre queste gli piaceranno o soddisferanno le loro aspettative.

A voi e già capitato di affrontare queste tematiche con i vostri bambini?

Vivy 

Lascia un commento e il link del tuo blog: ricambieremo volentieri la visita!

2 commenti

Lascia un commento
La Silvi
admin
19 giugno 2015 10:52 ×

Si mia figlia che ora ha 8 anni quando ne aveva 5 mi ha chiesto esplicitamente tutto quello che racconti qui. Io le ho spiegato tutto con la massima onestà (e con estremo imbarazzo, lo ammetto) e lei si è abbastanza schifata del racconto. Alla fine me la cavo sempre dicendole che quando sarà grande queste cose saranno assolutamente naturali e che adesso non c'è motivo di preoccuparsene...di solito funziona!

Reply
avatar
24 giugno 2015 11:41 ×

Ottima idea regalo per la mia amica che si è trovata in questa situazione qualche giorno fa

Reply
avatar