Un "Dizionario della fiaba" per orientarci... anche nella vita

Lapis edizioniLa Bologna Book children fair 2015, mi ha dato la grande opportunità, fra le altre, di partecipare alla presentazione di un libro utile e ammaliante, il Dizionario della Fiaba” di Teresa Buongiorno, Lapis edizioni.

L’autrice, presente all'incontro, mi ha molto colpita. E’ un fiume in piena di conoscenza ed entusiasmo, una di quelle donne anziane trascinanti che le conosci e pensi: “Vorrei poter essere come lei alla sua età”.
Nel suo curriculum, per dirne solo alcune, vanta di aver lavorato come giornalista, scrittrice ed esperta di letteratura per ragazzi, collaborando, fra gli altri, con Gianni Rodari, curando programmi TV per la RAI  e facendo parte del comitato scientifico della Treccani Ragazzi.

Dallo spessore culturale ed esperienziale di questa donna, nonna orgogliosa di quattro nipoti, nasce il “Dizionario della Fiaba”.

E’ un libro che ho comprato facendo volentieri la coda per chiedere l’autografo dell’autrice e già so che resterà fisso sul mio comodino perché è una di quelle letture che gusti in formato “pillole di sapienza”, qualche minuto ogni notte, per poi addormentarti con la mente appagata.

Prima di addentrarmi nella descrizione della struttura del libro, mi sembra bello riportare alcune considerazioni che Teresa Buongiorno ci affida nelle sua introduzioni al libro.
Preliminarmente occorre domandarsi: cos’è la fiaba?
Di sicuro “[...] non c’è niente di più
popolare della fiaba […] sia perché si tratta di qualcosa che tutti conoscono sia perché giunge fino a noi da una tradizione orale, espressione di gente comune […]. 
Tuttavia, nonostante le fiabe abbiano radici popolari e ci siano pervenute tramite il racconto orale, esse sono senz’altro un prodotto letterario divenuto, nel secolo passato, anche un prodotto cinematografico. Così, per fare un esempio, sono letteratura le fiabe di Andersen e nello stesso tempo sono fiaba i romanzi di Lewis Carroll.
E’ dalla fiaba che nasce la letteratura perché, a ben vedere, le fiabe sono lo specchio della società nel tempo, quello che Italo Calvino chiamava “il catalogo dei destini che possono darsi ad un uomo e ad una donna”.

Insomma, nella fiaba c’è la vita di ogni popolo e di ognuno di noi e le fiabe ci aiutano ad affrontare la vita stessa.

Teresa Buongiorno ci avverte, infatti, a proposito degli eventi truci che a volte le fiabe raccontano: “Quelle terribili vicende che volevamo tenere fuori dalla vita dei nostri figli, sono già nelle nostre famiglie: tanto vale guardarle in faccia, riconoscerle e affrontarle. Che poi l’eroe della fiaba sia sempre una creatura al margine – una donna, un bambino, persino lo sciocco di turno, non può che consolarci. Questo significa che abbiamo tutti una chance, a dispetto dei tempi, contro ogni logica. Proprio come Forrest Gump.” 

Per non parlare della funzione di “unione” fra i popoli che le fiabe rivestono: esiste un repertorio comune alle culture dei popoli, anche oltre i confini geografici. Per esempio ci sono riti d’iniziazione diffusi fra gli Indios che ricordano l’abbandono nella foresta di Pollicino.

D'altronde, che la fiaba unisca, ce ne accorgiamo persino nel nostro piccolo quotidiano perché chi ha letto gli stessi libri e conosce le stesse storie finisce con l’avere subito un rapporto di famiglia.

Ma quanto è importante, allora, mantenere la memoria delle fiabe e tramandarle ai nostri figli!

Il Dizionario delle Fiabe è uno strumento completo e duttile per conoscerle e apprezzarle.

E’ suddiviso in tre sezioni:

  • Storie e personaggi: il repertorio delle fiabe e dei personaggi tipici, in ordine alfabetico. Per ogni fiaba, come vedete nella foto, sono esposti con chiarezza e sintesi la trama, l’autore la raccolta, note sull’origine, le varianti, l’adattamento al cinema e/o alla TV ed una citazione significativa della fiaba o sulla fiaba.
  • Autori e opere: ospita le voci relative ad autori di fiabe
  • L’appendice: contiene il glossario dei generi letterari, la bibliografia e gli indici.

Il libro può ben essere definito una sorta di “mappa” nel vastissimo universo delle fiabe di ogni tempo.
E di mappe abbiamo bisogno non solo per non perderci nel bosco ma anche per avere orientamenti culturali e comprendere il tempo in cui viviamo. 
Un dizionario è la mappa per eccellenza in quanto classifica e riordina, offre dei punti cardine.

A questo punto solo una domanda resta aperta: chi saranno quella donna e quell’uomo che cavalcano nel bosco fitto raffigurato nella meravigliosa illustrazione di copertina (copertina di Francesca D’Ottavi)?

Chiunque siano, fra i personaggi delle fiabe, quell'uomo e quella donna sono un po’ come noi che corriamo nelle foreste intricate delle nostre vite personali, in cerca di un sentiero verso il nostro castello, inteso come luogo mentale/fisico dove sentirci al sicuro. 
Con una “mappa”, anche culturale, la possibilità di riuscire a trovare il nostro castello, diventa reale.

Buona lettura del “Dizionario della Fiaba”!


Ketty
Lascia un commento e il link del tuo blog: ricambieremo volentieri la visita!

10 commenti

Lascia un commento
ValeVico
admin
3 aprile 2015 10:30 ×

Wow! Che bellissimo consiglio di lettura, grazie!
Post utilissimo, ricco e coinvolgente. E' stato un grande piacere leggerti. Mi sono segnata il titolo!
A presto,
Valentina.

Reply
avatar
3 aprile 2015 12:07 ×

Grazie Ketti per avercene parlato.
Mi segno il titolo anche io.
Tanti cari auguri per una Santa Pasqua gioiosa e serena ed un abbraccio Maria

Reply
avatar
3 aprile 2015 17:12 ×

Bello perdersi alla fiera di Bologna, tra libri con bellissime illustrazioni e autori pieni di verve ;)))
Buona Pasqua Ketti.

Reply
avatar
La Silvi
admin
3 aprile 2015 17:24 ×

L'autrice mi ricorda la mia prof di letteratura per l'infanzia, stessa età, stessa grinta. probabilmente si conoscono. grazie del suggerimento

Reply
avatar
Stefania
admin
4 aprile 2015 10:17 ×

Libro davvero particolare che proprio non conoscevo.

Reply
avatar
5 aprile 2015 22:48 ×

Ciao Valentina, grazie mille del tuo commento! Ho visitato il tuo blog. Che bello!
Ketty

Reply
avatar
5 aprile 2015 22:49 ×

Auguri anche a te, carissima!
Ketty

Reply
avatar
5 aprile 2015 22:51 ×

A Bologna io e Vivy ci siamo "ubriacate" di libri bellissimi! Tanti auguri, cara Anna Maria.
Ketty

Reply
avatar
5 aprile 2015 22:53 ×

:-) . Anch'io ho ricordi di docenti del genere. Persone che lasciano il segno per sempre.
Ketty

Reply
avatar
5 aprile 2015 22:54 ×

È fresco di stampa, penso.
Alla prossima!
Ketty

Reply
avatar