Week end senza programmi, una volta tanto

Ogni tanto scegliamo di proposito di non fare programmi per i giorni di festa, lasciamo che sia il momento e la voglia a farci fare o non fare qualcosa.

Il week end appena trascorso si preannunciava come tremendo, aveva tutti  presupposti per essere terribile: in casa abbiamo avuto di nuovo e per due  giorni i muratori. Giovedì e venerdì, corridoio completamente dilaniato dai lavori per una perdita. La seconda in due anni. Polvere, polvere, odore di calcina,  mattonelle e tubi riparati.

Due notti a dormire da mia madre e sabato mattina io e il Marito pronti alle 7:30 con aspirapolvere, cenci, scope, spazzoloni e olio di gomito. I bambini sono rimasti dai nonni fino al pomeriggio (nonni santi subito) e noi a sgobbare fino a far tornare la casa quasi pulita.


Domenica mattina abbiamo ripetuto le stesse azioni del  sabato, con gli  stessi attrezzi: “Vabbè, il primo  maggio andiamo a pranzo fuori, all’aperto, magari un pic nic.” Questa l'idea che mi era balenata in testa, accolta con entusiasmo da tutti. Nel frattempo ci siamo goduti un po' di sole sul terrazzo, in relax.
Primo maggio, mattina, sole splendente: finisco di pulire la soffitta presto e faccio lavatrici a go go. “Perché con questo sole asciuga tutto”, mi dico.
Ore 12, pronti per andare ai giardini, niente pic nic perché c’è la festa con gli stand gastronomici: pasta, carne, patatine fritte ecc ecc.
“Sììììì!! I bambini scorrazzano liberi e io mi riposo un po’”.

Certo,  come no. Ore 13 30: davanti al mio piatto di penne al ragù, seduta sotto un tendone da sagra paesana, vedo nuvoloni neri, neri, neri.  Plin, plin, plin (no, non c’era l’acqua Rocchetta ma un’altra acqua: la pioggia). Ecco perfetto! Abbiamo deciso, all’ultimo, e abbiamo amaramente sbagliato. Stipati sotto il il tendone da sagra finiamo di mangiare e appena  c’è un accenno di  diminuzione del temporale: scappiamo verso la macchina.

E ora? Little C appena appisolato, si è svegliato durante il tragitto verso la macchina perché si sa, nei momenti migliori meglio svegliarsi: adrenalina a 1000. Mister G, da degno fratello maggiore, fomentava l’adrenalina del piccino con: “Ora che si fa?” “Dove si va?”.


Ore 15, siamo a casa e fuori diluvia. “Facciamo il Didò?” sparo senza sapere nemmeno se fosse fattibile... “Belloooo!!!”

Google, ricerca e zac: una svolta alla giornata.
Ricetta facilissima, veloce e dal risultato eccellente. Abbiamo manipolato, costruito, distrutto e chiacchierato: manine che si sono sporcate e che hanno lavorato con soddisfazione. 


Grazie infinite al blog! Quando fuori piove, per la dritta, salva pomeriggio...leggete nel link la ricetta senza cottura e senza cremor tartaro.
Una svolta alla giornata.

Domani si riparte, settimana lavorativa  con un giorno in meno che inizia all’insegna del “in fondo questo week end poteva andare peggio”
Be positive!

Francy


Lascia un commento e il link del tuo blog: ricambieremo volentieri la visita!

3 commenti

Lascia un commento
2 maggio 2017 16:02 ×

Certo che essere positivi con un weekend così non è da tutti: brava! Colgo al volo il tuo link per il didò, visto che da un pò medito di proporlo al nano!

Reply
avatar
Priscilla X
admin
2 maggio 2017 17:46 ×

Ahahahah! Scusa se rido, ma mal comune mezzo gaudio! A me è capitato spesso, la parte della pioggia, i muratori no ma altre magagne casalinghe sì.
La ricetta senza cottura non la conosco, quindi vado volentieri a sbirciare...

Reply
avatar
2 maggio 2017 22:40 ×

Sì,il didò è da provare e l'essere positivi..beh anche quello.
Diciamo che sono in un periodo buono.
Grazie per essere passate
Un abbraccio
Francy

Reply
avatar