Racconto di Pasqua

*Dedico questo racconto alla Fondazione Opera Santi Medici Cosma e Damiano - Bitonto - Onlus che ogni giorno sostiene le speranze di tante persone in difficoltà e dona occasioni di autentica crescita ai suoi volontari e al suo personale. 
******
RACCONTO DI PASQUA



Era un’umida serata primaverile. Maria, 25 anni, aveva appena concluso il suo turno da volontaria nella casa d’accoglienza della parrocchia. 
L’esperienza di ascolto e accoglienza di famiglie in difficoltà l’appagava molto, era componente essenziale della sua personale felicità. 
La riportavano con i piedi a terra, le restituivano il senso profondo delle piccole gioie, le insegnavano l’amore quelle storie drammatiche di donne allo sbando con figli inermi, padri che si sentivano falliti per aver perso lavoro e casa, stranieri alla ricerca di altre occasioni in paesi apparentemente nella pace.

Il cuore le bruciava ogni volta che, a fine turno, varcava l’uscita di quella struttura di accoglienza. Ma dopo sentiva anche il bisogno di riposare, di tornare a casa e distendersi per qualche ora nella banale normalità della propria routine


Quella sera buia e fresca, però, la vita le avrebbe richiesto gli straordinari. Mentre raggiungeva la sua auto, Maria fu travolta da un odore nauseante e intravide nell'ombra, sotto il porticato dell’edificio, due sagome accartocciate in una coperta. 
Provò ad avvicinarsi e riconobbe in loro sembianze umane. Sentiti i passi di Maria, le due figure si levarono. Erano due anziani, un uomo ed una donna, barcollanti, vestiti di cenci, avvolti dal puzzo di alcool stantio
Maria chiamò aiuto e, dopo qualche minuto, lei ed altri volontari si avvicinarono ai due anziani per chiedere loro di cosa avessero bisogno. 

Mi chiamo Damiana” – raccontò la donna – “lui è mio fratello. Cerchiamo solo un posto dove dormire”.

Non c’era posto in casa d’accoglienza e i volontari decisero di pagare per loro una camera d’albergo. Il buon albergatore, con lo sguardo di chi sa già come andrà a finire, non si oppose e offrì ospitalità. Maria avrebbe saputo, qualche giorno dopo, che l’albergatore sarebbe stato costretto a buttar via materasso, coperte e lenzuola per la puzza che avevano lasciato i due inconsueti ospiti. 


Dopo aver accompagnato i due senzatetto in albergo, Maria tornò a casa, si lanciò in doccia e mentre l’acqua calda scorreva accarezzandole la testa, ripensò ai due fratelli. Erano così diversi. Lui ruvido, scontroso, sguaiato, con un odore che si appiccicava addosso, come fango, a chiunque gli si avvicinasse. 
Lei invece era dolce, un sorriso da bambina, disarmante. Quel che colpiva del suo aspetto erano i capelli: un cespuglio disordinato di peli bianchi e biondi nei quali si erano incrostati anni di polvere e unto e probabilmente nidi di insetti. Maria, addormentandosi, non riuscì a staccare la memoria dal suono pacato della voce di Damiana. 




Il giorno dopo i due anziani si ripresentarono alla casa d’accoglienza, stavolta in cerca di cibo. Fu mentre osservava Damiana mangiare con inaspettata compostezza che Maria fu fulminata da un’idea.
Si avvicinò a Damiana e le chiese: “Ti va di fare una doccia?”. Maria si era convinta che sotto quella corazza di sporco e abbandono si nascondesse, come in guscio d’uovo, una donna gentile e tenera che, in altre condizioni di vita, sarebbe stata una nonna affettuosa. 
Damiana si stupì tuttavia accettò, aggiungendo che era inutile porre la stessa domanda a suo fratello.

Si diedero appuntamento presso una doccia della struttura parrocchiale. Maria e la sua amica Tina, un’altra volontaria, portarono con sé flaconi di bagnoschiuma e shampoo, balsamo per capelli, indumenti puliti. 
Damiana fece la doccia da sola ma quando fu il momento di pettinare i capelli chiese aiuto. Non c’era modo di districare quel groviglio di paglia secca sulla sua testa. Maria e Tina indossarono dei guanti e l’aiutarono con due spazzole.
Ciocca dopo ciocca, con delicatezza, le due volontarie pettinarono i capelli di Damiana che nel frattempo sorrideva e ringraziava. 
Ciocca dopo ciocca, parve che anche i suoi pensieri stessero prendendo una nuova forma. 
Come mi piacerebbe andare dal parrucchiere per tagliare meglio questi capelli” disse all'improvviso. Maria fu felice della richiesta. Andare al parrucchiere è tutt'altro che un gesto di futile vanità. In questo caso aveva il significato esplosivo di un bel Voglio prendermi cura di me stessa

Maria accompagnò Damiana dal parrucchiere e quando andò a riprenderla fu scossa da un’emozione trascinante, quella generata dalla primavera che tutto fa rinascere
Damiana sembrava una persona nuova. I suoi capelli erano un prato profumato, le rughe sul viso sembravano vellutate come certi petali di fiore, gli occhi brillavano come l’alba della primavera.

Pulita, ben vestita e con i capelli biondo cenere scolpiti di riccioli, non era più neppure l’ombra di quel corpo accartocciato che Maria aveva trovato due giorni prima sotto il porticato.

Damiana camminava verso Maria più sorridente che mai. Maria scorse in lei persino delle delicate movenza femminili nei fianchi, quelle che le giovani donne a volte pronunciano per farsi notare.

Damiana, se vuoi, puoi cambiare vita”. Le disse Maria. “Aiuteremo te e tuo fratello a trovare una casa”. 
Mio fratello non vorrà”, rispose con dolcezza Damiana, “Lui vuole essere libero”. 


Quel giorno Damiana e suo fratello mangiarono ancora alla mensa della parrocchia. Quella sera però scomparvero. Di loro non si seppe più nulla. 


Ogni tanto Maria pensa ancora a Damiana, a quel giorno che credette di averla vista rinascere, risollevarsi da una vita di stenti. Poi riflette e comprende. Comprende che Damiana, quei giorni, solo in apparenza era sbocciata a nuova vita. 
La verità è che per sentirsi viva davvero aveva bisogno di una sola cosa: accudire quello spirito libero di suo fratello.
L’amore è l'unica rinascita.
La rinascita accetta la fatica del sacrificio.

Ketty
*****
Buona Pasqua di Risurrezione a tutti. 

P.S. Questa è una storia vera. Damiana è rimasta nel cuore di quella volontaria.    


Con questo post partecipo al brainstorming creativo del gruppo Aedi digitali. Il tema della settimana è #rinascita. 

Lascia un commento e il link del tuo blog: ricambieremo volentieri la visita!

2 commenti

Lascia un commento
Maryclaire
admin
12 aprile 2017 19:04 ×

Bellissima storia... mi sono commossa!
Grazie per averla condivisa
Baci e buona settimana santa intanto, poi passerò a farti gli auguri di Pasqua.
Baci

Reply
avatar
13 aprile 2017 09:05 ×

Grazie, Maryclaire. Ti confido che mi batteva il cuore mentre la scrivevo. Augurissimi a te.
Ketty

Reply
avatar