Cara "sorella/figlia" mia...

Ricordo ancora quando mia madre mi diede la notizia. Avevo 13 anni, quasi 14: "Viviana, tu lo sai cosa vuol dire quando non viene il ciclo?". 

Certo che lo sapevo ma non avrei mai immaginato. Ero così concentrata sulle "mie cose da adolescente" che non avevo avuto nessun sentore. Una vera sorpresa. Non ricordo bene quale fu la mia reazione. Probabilmente avrò borbottato qualcosa di incomprensibile, comunque ero felice e ho atteso per 9 mesi l'arrivo della mia sorellina in compagnia di mio fratello, allora 9enne.

Viviana e Diletta - 1992
La notte in cui nacque avevo la febbre (il 19 gennaio) e, nonostante tutto, volli andare all'ospedale per vederla.
L'infermiera (nonché cara amica di famiglia:)) uscì dalla sala parto con il fagottino in braccio: due guanciotte enormi e due occhi grandi azzurri ci guardavano incantati. Amore a prima vista!


Diletta. 


Non potevamo che chiamarla così la bambina arrivata nella nostra famiglia per arricchirla ancora di più. La sua venuta ha cambiato tante cose, tra cui la casa che è stata ristrutturata e modernizzata per creare nuovi spazi e la nostra cameretta: io avrei diviso la mia camera con lei


Diletta e Bimbuzza - Natale 2014
Essendo 14 gli anni di differenza, posso affermare con certezza che lei per me è stata come una figlia. Quando ho avuto la mia Bimbuzza sapevo già tutto (a parte la gravidanza e il parto): sapevo maneggiarla, vestirla, cambiarle il pannolino, cullarla, farle il bagnetto, consolarla, eccmi è sembrato di accucciare tra le braccia la mia seconda figlia. All'inizio chiamavo Bimbuzza perfino Diletta! 

D'altronde si somigliano, no?!

Stava sempre con me, me la portavo anche in comitiva: la prima volta aveva 3 mesi ed io tutta fiera la mostravo agli amici che se la spupazzavano tutta.
Mia madre si fidava molto in effetti!

È come se ci fosse stata sempre, averla con noi che eravamo già grandi (io e mio fratello), ha solo migliorato la nostra vita. Non ricordo momenti di gelosia o simili. 


Per me era...la mia bambina. 


La tenevo sul mio letto, accanto a un grande peluche (il topone), mentre facevo i compiti; sulla sediolina in bagno mentre facevo la doccia; la vestivo e preparavo per uscire e lei era tutta contenta, mentre piangeva come una matta se uscivo sola e non la portavo con me.


Estate 2014

Oggi è una ragazza di 22 anni ed è bello vedere che con mia figlia fa le stesse cose che facevo io con lei. Stessi atteggiamenti, stesso modo di fare e di parlare, di gestire le situazioni, di farle i capelli, di vestirla, di portarla in bagno con lei...
Mi fa un effetto particolare perché in lei rivedo me alle prese con una bambina: lo stesso modo di amare.

Purtroppo non possiamo vivere tanti momenti insieme perché siamo lontane: lei oggi è una ragazza che studia a Roma e lavora nello stesso laboratorio in cui ha svolto la tesi. 


La laurea di Diletta
E' una ragazza molto brava e determinata. Vivendo sola, studiando e lavorando sta dimostrando che in fondo...non è la bambina viziata che tutti dicevamo. Sapete com'è no? la piccola di casa...accontentata sempre in tutto, da noi fratelli per primi, tanto che ancora oggi mi piace viziarla un po'...(nostro fratello può dire lo stesso!!!).

Quando sono andata via di casa per studio e lavoro, lei era ancora una bambinetta di 11 anni. 

Ricordo con strazio la mia separazione da lei, le telefonate e i messaggi via MSN che ci inviavamo ogni giorno. Conservo con cura le mail e le cartoline virtuali che lei mi inviava (le ho stampate).
Oggi continuiamo a sentirci ogni giorno e se capita che per qualche motivo non possiamo, ci sembra troppo strano tanto che il giorno dopo ci scriviamo subito: ma ieri non ci siamo sentite!!!



Una delle sue cartoline virtuali - 2004
Potrei continuare all'infinito a parlare di lei e del nostro rapporto...ma dirò solo questo, in risposta al regalo di Natale che mi ha fatto quest'anno: l'Angelo della THUN con la parola AMICIZIA e un biglietto strappalacrime in cui mi ha scritto che, si, siamo sorelle ma che prima di tutto io sono la sua migliore amica.

Credo sia la cosa più bella che una sorella possa sentirsi dire, soprattutto se proviene da una sorella quasi figlia e per la quale si sente un sentimento e un amore sconfinati, come quelli che si provano per i figli.

Ti voglio bene, Diletta mia. Potrai contare su di me sempre, lo sai. Non potrei mai vivere senza di te.


Il regalo di Diletta - Natale 2014

Tua Vivy alias Kekka, come mi chiamavi da bambina:)
Lascia un commento e il link del tuo blog: ricambieremo volentieri la visita!

8 commenti

Lascia un commento
pinkg
admin
13 gennaio 2015 05:10 ×

Bellissima la vostra storia! Bellissime le bimbuzze. Mi hai fatto commuovere ;-)
Baci ♡♡♡

Reply
avatar
13 gennaio 2015 08:34 ×

Che bello aver avuto questo rapporto con la piccola sorellina, con tanta differenza d'età avresti potuto avere maggiore distacco, l'adolescenza è un momento complesso. E invece...
Mi ha commosso.

Reply
avatar
13 gennaio 2015 10:03 ×

Che emozioni! Anche io e la mia sorellina abbiamo 14 anni di differenza e quando io sono uscita di casa lei ne aveva solo 9...
Posso confermare che con così tanta differenza di età ci si sente in un certo modo responsabili e un po' più protettive, ma il rapporto di sorellanza e amicizia che ci unisce ora è profondissimo.

Reply
avatar
Vivy
admin
13 gennaio 2015 12:59 ×

Stupenda questa storia... mi commuove, e voi tutte siete bellissime!

Reply
avatar
13 gennaio 2015 15:05 ×

Anche io ho provato molte delle tue emozioni con mio fratello minore, dieci anni meno di me. Si ha una consapevolezza diversa...si stabilisce un legame particolare!
Che belle Diletta e bimbuzza insieme!!!

Reply
avatar
13 gennaio 2015 15:35 ×

Carissime, grazie...in effetti...mi sono commossa anche io mentre lo scrivevo...
Un bacio
Vy

Reply
avatar
lu v
admin
13 gennaio 2015 16:13 ×

Che splendide!
Il rapporto che si instaura tra fratelli è meraviglioso... ed io in parte lo ho vissuto simile al tuo, anche se io avevo un fratellino maschio a cui badare... ;-))

Reply
avatar