Una vacanza persa in partenza

Cala Corvino
Monopoli - Contrada Corvino
Anche quest’anno ho programmato le vacanze secondo la piramide delle priorità: esigenze dei bambini, esigenze del marito, esigenze mie.
Non c’è molto da scegliere e conciliare. La mia predilezione per i viaggi-avventura è compatibile con i bisogni dei miei familiari come un delfino è compatibile con una vasca da bagno.

Pazienza e coraggio. La cosa più importante è stare bene insieme.” Era giugno quando ho intrattenuto interiormente questo discorso con me stessa.

Poi è arrivato luglio e la mia prospettiva ha cominciato a mutare: “Sarà anche per me vacanza, sono troppo stanca per i viaggi-avventura, il mare nella mia Puglia sarà un toccasana anche per me”. Così riflettendo, mi sono trascinata faticosamente fino alla fine del mese, macinando i miei impegni di lavoro come un trattore lento e inesorabile. 

Ed è arrivato agosto. Sono giunte le ferie. 
E con le ferie, nell'ordine... rullo di tamburi... tum tum tum tum… sono arrivati: la varicella del cuginetto che probabilmente è in incubazione anche nel corpo di mio figlio, una misteriosa bruciatura sul mio décolletté il primo giorno di ferie, il maltempo che ci ha già rubato i primi due giorni di mare.

Una vacanza persa in partenza? Ma no!
"Quando il gioco si fa duro i duri iniziano a giocare", recita il detto.
Nel mio caso: quando il gioco si fa duro, i bambini continuano a giocare.

Ecco il primo bilancio delle vacanze con i miei bambini.

Mio figlio, per ora, non dà segni di varicella e suscita ilarità a non finire per gli intrepidi tuffi in piscina e in mare.
Mia figlia si diverte, è nel pieno della sua energia, chiacchiera, chiede racconti, raccoglie stimoli, dispensa coccole irresistibili. 

La seconda giornata di maltempo è stata meravigliosa. Siamo stati colti dalla tormenta mentre eravamo sulla spiaggia e ci siamo rifugiati nel gazebo del lido.
I bambini hanno osservato il temporale con stupore e trasformato il loro telo mare in un'affascinante tenda immaginaria sotto la quale ci siamo abbracciati tutti e tre, il piccolo ciucciava serenamente e la bimba ascoltava attentissima i racconti della mia infanzia in campeggio.

A fronte della mia scarsa abbronzatura, provo viva soddisfazione intellettuale perché in appena tre giorni ho finito un libro coinvolgente ("Nature morte a Firenze" di Simone Togneri, voto 10). Non riuscivo a immergermi così in un libro da mesi.

E poi c’è lui, il mare, sempre bello, anche sotto la tormenta.
Capitolo
il mare a Capitolo (frazione di Monopoli)


E le vostre vacanze come vanno?

Ketty

Lascia un commento e il link del tuo blog: ricambieremo volentieri la visita!

8 commenti

Lascia un commento
12 agosto 2015 10:52 ×

Le nostre non ancora cominciate veramente, però ci consoliamo con qualche pomeriggio al lago e giri in bicicletta. mi spiace per il maltempo e la varicella del cuginetto ma è bello leggere che riesci a vedere tutto in positivo e goderti comunque le giornate. In questo, i bimbi sono degli ottimi maestri!

Reply
avatar
12 agosto 2015 11:26 ×

Ciao Ketty! Siamo vicine vicine allora! Quanto vi fermate?
Io ancora non sono in vacanza, se ne parla da venerdì e comunque con un bel po' di lavoro da fare. Saremo in campagna, vicino Fasano, fino alla fine del mese.
Un grande abbraccio

Reply
avatar
12 agosto 2015 13:27 ×

Mamma avvocato, che belle le passeggiate in bici! Grazie del tuo commento e buona attesa delle ferie.
Ke

Reply
avatar
12 agosto 2015 13:28 ×

Ciao Fenice, ti ho risposto per e-mail. Smack.
Ke

Reply
avatar
mammapiky
admin
12 agosto 2015 18:00 ×

Le mie non sono ancora iniziate!!!

Reply
avatar
12 agosto 2015 18:27 ×

Cara mammapiky, allora può essere che riesci a salvarti dal maltempo! In ogni caso, felicissime vacanza!
Ke

Reply
avatar
12 agosto 2015 21:40 ×

Ti auguro di vero cuore che la tua vacanza continui bella e serena... e che la varicella vada a farsi un giro e una vacanza da un'altra parte ;)

Reply
avatar
13 agosto 2015 07:25 ×

Grazie mille, Anna Maria! Un abbraccio formato famiglia da noi.
Ke

Reply
avatar