Ogni mamma ha un inizio


Ogni mamma ha un inizio ma nessuna fine.
***
Era un pomeriggio qualsiasi, la giornata di lavoro era finita ma non ero stanca. Mi sentivo cervello, cuore e gambe irrorate di energia, una leggerezza che proveniva dagli abissi della mia coscienza. Le mie gambe si mossero liberamente, deviando dalla strada verso casa, e mi ritrovai in farmacia a comprare un test di gravidanza. Nessun sintomo, né nausea né disagio, solo una felicità senza ragione. 
Era solo l’inizio delle intuizioni materne che tutto sanno prima di sapere.
***
La notte dopo il parto, dopo le prime ore di pace assoluta, hai cominciato a piangere. Non sapevo interpretare quel pianto. Neppure alla prima lezione di trigonometria mi sono sentita così scema! Le ho provate tutte per calmarti (mangiare, pannolino, passeggiata ecc. ecc.) finché mi sono rassegnata e, semplicemente, ti ho stretta a me. 
Era solo l’inizio della consapevolezza che non sempre saprò capirti ma che sempre un abbraccio potrà farci comprendere a vicenda.
***
Quando hai cominciato a parlare, alcuni suoni ti mancavano. “Dirà mai acqua anziché “appia”?” ci domandavamo. Poi una mattina ti sei svegliata e l’hai detta. Nella notte hai conquistato la “q”. Chissà, sarà stato merito di una fatina, la fatina delle consonanti, nota cugina di quella dei dentini. 
Eppure ho gioito di questo progresso meno di quello che mi sarei aspettata. 
Era solo l’inizio della nostalgia tagliente di tutto ciò che fino ad allora ti aveva resa una neonata, quella creatura con me intimamente simbiotica.
***
Una notte eravamo in campeggio, hai sfidato il buio per andare nel bagno pubblico. Tu, assorbita dal sentiero scuro alberato, con una piccola torcia in mano. Altro che principessa dalla pelle diafana, eri un lupetto! 
Era solo l’inizio dell’orgoglio di scoprire la tua autonomia.
***
Un anno fa, a cena con amici, senza preavviso, tu, di solito di una timidezza immobile, hai preso la parola e ridendo di gusto hai raccontato ad alta voce una barzelletta. Per un attimo mi sono chiesta se per sbaglio, al posto della coca cola, avessi bevuto un po’ di Brunello di Montalcino, non si sa mai!
Abbiamo riso tutti, non per la  barzelletta - che sinceramente faceva schifo - ma per la convinzione con la quale l’hai interpretata. Addio comicità goffa e incosciente da bimba piccola.  
Era solo l’inizio delle nostre consapevoli e terapeutiche parentesi umoristiche.
*****
Non c’è modo migliore per sperimentare inizi che essere madre.
Così tante prime volte, cosi tanti cominciamenti che danno le vertigini.
E batte il cuore e gira la testa, e giro giro tondo, casca il mondo, casca la terra, tutti giù per terra… “Dai, mamma, rifacciamo questo gioco!” “Oh nooo… e va beeeneee, tieniti pronta! Inizio!” 
Inizi senza fine.
😊😊😊
E voi?
Quali sono stati i vostri inizi preferiti?

Ketty

Con questo post partecipo agli esercizi di scrittura del gruppo Aedi digitali. Il tema della settimana è #inizio. 




Lascia un commento e il link del tuo blog: ricambieremo volentieri la visita!

4 commenti

Lascia un commento
22 febbraio 2017 07:53 ×

Che dolcezza in questi ricordi. Quante prime volte, è proprio così per le mamme, non finiscono mai. Vi abbraccio forte
Francesca

Reply
avatar
22 febbraio 2017 07:53 ×

Che dolcezza in questi ricordi. Quante prime volte, è proprio così per le mamme, non finiscono mai. Vi abbraccio forte
Francesca

Reply
avatar
22 febbraio 2017 08:45 ×

Grazie, amica. 😍Ricambiamo l'abbraccio.

Reply
avatar
maddalena
admin
22 febbraio 2017 09:57 ×

Hai messo tutto: tutto il tuo, e anche quel briciolo di gioia dolce amara che accompagna la loro crescita, staccarsi dal litorale dove noi mamme eravamo tutto, per i nostri piccoli. Un inizio continuo. Non potevo non leggere questo post e, se mi conosci, sai che pezzi come questo mi emozionano tanto. Davvero, davvero grazie.

Reply
avatar