Ma quanto dura questa telefonata?


Breve racconto di uno di quegli episodi che, anche con lo zampino dei figli, ti fanno cambiare prospettiva.

*****

Un’ora e quindici minuti di telefonata. Non potevi credere alle tue orecchie. Provavi e riprovavi a comporre quel numero, avevi solo bisogno di dare una comunicazione di servizio a quella persona ma ottenevi solo il “tu tu  tu” del segnale di occupato, tutt'altro dal romantico “tu tu tu” del tubare dei piccioncini.
Dev'essere una faccenda seria se questa telefonata dura così tanto…” hai riflettuto fra te e te.
Poi hai scoperto che era una chiacchierata fra amiche...
Che tenerezza - hai riflettuto -  chissà da quanto tempo non si incontrano e che bisogno hanno di raccontarsi.”
Poi hai scoperto che si erano incontrate due giorni prima e che abitano a 200 metri di distanza …

Urla interiori soffocate, qualche parolaccia domata sulla punta della lingua
Ti sei un po’ scandalizzata perché tu non ami chiacchierare al telefono.
La telefonata è uno strumento di lavoro, di organizzazione, di necessità. 
Ti concedi lunghe chiacchiere leggere quando non hai alternative, per esempio quando parli con parenti e amici lontani migliaia di chilometri o devi proprio comunicare subito qualcosa a qualcuno di importante. 
Sei una persona visiva, il contatto oculare con l’interlocutore per te è indispensabile per interpretare il linguaggio del corpo e dosare le pause (parli tu/pausa/parlo io). 
Inoltre, per te che vivi molto il “qui ed ora”, una lunga e non indispensabile telefonata ti sembra un atto di invadenza.

Eppure ci sono persone che trascorrono ore parlando al telefono, che per esempio si dilettano a descrivere i dettagli delle attività che stanno svolgendo in quell'istante (passeggiare, cucinare, spolverare, ecc.).
Ci sono anzi persone che si sentono molto più a loro agio a parlare per telefono che ad affrontarti di persona, che forse sono così delicate da aver quasi timore del tuo esuberante linguaggio del corpo, che sono così profondamente sensibili da saper cogliere nella tua voce tutte le pieghe dei tuoi pensieri e delle tue riflessioni, senza bisogno di scrutarti lo sguardo.

Esistono, dunque, almeno due tipi di persone: chi ama raccontarsi al telefono e chi no.
È la bellezza della diversità.

Non ti infuriare allora, Ketty, se troverai di nuovo quel telefono occupato per una chiacchierata fra amiche. Lo dice anche la tua saggia mamma, rievocando quello slogan pubblicitario ormai vintage : “Una telefonata allunga la vita”.
E poi, non ti infuriare più, Ketty, perché probabilmente tua figlia è una di quelle persone che amano parlare al telefono. Sarà per questo che ha imparato il tuo numero di cellulare all’età di 4 anni. Sarà per questo che, pur sapendo che stai per arrivare a casa, ti chiama al cellulare con la sua voce cristallina per descriverti il suo pomeriggio, svelandoti particolari che a casa non riusciresti a cavarle di bocca.
Ringrazia, Ketty, che sia così, perché quando qualche impegno di lavoro ti terrà fisicamente lontana da lei, la vostra telefonata per lei avrà l’intensità di un abbraccio o, quando la sera non sarai a casa a leggerle il libro della buonanotte, potrai improvvisare per lei una storia al telefono e cantarle le canzoncine, con la sicurezza che lei ti ascolterà e sorriderà.


Sei un po’ orsa a volte, Ketty, ma ora hai capito che ci sono telefonate che non si possono negare, amorevoli incursioni nel tuo “qui ed ora” che, per quanto leggere nei contenuti, radicano effetti d’amore profondi.

Ketty
Lascia un commento e il link del tuo blog: ricambieremo volentieri la visita!

1 commenti:

Lascia un commento
16 dicembre 2016 08:32 ×

Io ero una dalle lunghe telefonate in gioventù, con i compagni discuola, col fidanzato... ora non più, anche se ogni tanto capita ancora. E' il bisogno di vicinanza, di colmare un vuoto interiore, lenire la paura di restare soli. Poi si cresce, si riesce a far diventare le telefonate un mero strumento, anche se la solitudine a volte pesa ancora e una telefonata per due chiacchiere con una persona amica ti risolleva la giornata.
Ti abbraccio forte
Francesca

Congrats bro lafenicerinascedase you got PERTAMAX...! hehehehe...
Reply
avatar