Quando la mamma parte


post di Ketty
Da qualche mese sto partecipando ad un progetto di lavoro estremamente interessante che però, ogni tanto, mi tiene lontana da casa.
Per carattere sono mobile, adoro le novità, cerco impegni sfidanti e trovo rilassante viaggiare, soprattutto in treno. Eppure, per la prima volta nella mia vita, allontanarmi dalla routine per affrontare una nuova esperienza ha generato in me ansia.
Potete indovinare perché: stare lontana qualche giorno dai miei bambini mi destabilizza un po'.
Razionalmente mi dico che si tratta solo di pochi rapidi giorni. Noto, inoltre, che  che stare da soli con il loro (meraviglioso) papà, per i bambini si sta rivelando un'esperienza costruttiva e che questa nuova situazione li incoraggia a responsabilizzarsi

Una mia collega  - suscitando la mia ilarità - mi diceva: "Fidati, è successo a me. Quando sono tornata dal mio viaggio di lavoro, i bambini sono stati obbedienti per una settimana!". 
Non è proprio l'effetto che desidero ma, insomma, non si butta mica via un po' di figliale obbedienza!

Un'altra amica non ha nascosto la sua invidia: "Qualche giorno da sola! Potrai dormire! Potrai fare la doccia con calma!". In effetti, in quei giorni, posso prendermi cura di me stessa senza timer e dedicarmi a riti sconosciuti come il massaggio del viso con la  crema idratante prima di andare a letto. Mi ricordo quando confessai alla mia amica di blog Viviana che la crema viso mi dura più di un anno perché, fra faccende domestiche e storie della buonanotte ai figlioli, mi dimentico di applicarla tutte le sere. Viviana letteralmente scandalizzata! E mi rammentò che la crema va messa sera e mattina, perdindirindina.

Poi, nel panorama dei commentatori, c'è chi mi biasima con lo sguardo come se fossi una madre e una moglie snaturata  o mi fertilizza l'ansia con un: "Chissà come sentono la tua mancanza i bambini! È dura la notte senza la mamma...". 
Che dirvi, grazie della vostra empatia unilateralmente diretta alle povere creature abbandonate.


Per la precisione, quei giorni non vado in vacanza (pur cercando di trarre dall'esperienza ogni personale beneficio) ma vado a lavorare.
D’altronde fa riflettere che le medesime persone non facciano le medesime osservazioni quando parte il papà per lunghe trasferte (parità di genere, dove sei?)

Le donne che più mi sostengono sono le donne di famiglia. Come non ringraziare la mia mamma, mia sorella, mia suocera e mia zia, per aver visto in questa esperienza, oltre all'obbligo di lavoro, un'opportunità per la mia realizzazione personale, senza biasimi in sottofondo.

Concludo il post con qualche suggerimento pratico per le mamme lavoratrici che viaggiano:
- sfruttate le videochiamate: una videochiamata allunga la vita e accorcia la distanza; pensate che in videochiamata controllo i compiti di mia figlia, partecipo alla chiacchierata della cena, ammiro i calci di rigore del mio piccolo bomber e mi godo le esibizioni al violino di mia figlia;
- inventate un gioco per l'attesa del ritorno: io, per esempio, preparo dei pacchetti da aprire dopo cena per ogni giorno di lontananza (vedi foto), con biglietto e regalino a sorpresa, una specie di calendario dell'avvento della mamma (senza la pretesa di essere importante quanto il creatore, naturalmente 😊);


- date appuntamenti fissi al telefono, anche solo per pochi minuti, in modo che i bambini mantengano riferimenti durante la giornata contro gli attacchi di nostalgia;
- ricordate ai bambini (io lo faccio con ironia) le "opportunità" che si presentano quando non c'è la mamma, colei che limita severamente TV, videogiochi e dolci (tanto, si sa, papà e nonni lasciano correre).


Ketty

Lascia un commento e il link del tuo blog: ricambieremo volentieri la visita!

4 commenti

Lascia un commento
15 marzo 2019 11:08 ×

Direi che parti con lo spirito giusto e condivido l'idea che ogni tanto sia utile anche a papà e bambini! Certo, noi mamme da un lato patiamo, ma dall'altro abbiamo anche il diritto di lavorare e prenderci cura di noi stesse, anche professionalmente. Sei davvero avanti con l'organizzazione, se prepari anche i regalini!
Noi usiamo le vieochiamate e le foto o i messaggi vocali via whatsapp per rimanere un pò in contatto con il papà, che lavora all'estero in settimana.

Reply
avatar
Federica
admin
12 maggio 2019 10:15 ×

Davvero interessante :) Grazie

Reply
avatar
Gufo a molla
admin
23 maggio 2019 10:41 ×

Menomale che le donne della famiglia ti sostengono. Ho letto di diverse donne che quando si assentano per lavoro vengono riprese proprio dalle componenti femminili della famiglia.

Reply
avatar
Lorenza
admin
7 luglio 2019 09:21 ×

Un blog decisamente diverso dagli altri :)

Reply
avatar